ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Londra, omaggio al principe Filippo

euronews_icons_loading
Un omaggio al principe Filippo su uno schermo a Piccadilly Circus, Londra
Un omaggio al principe Filippo su uno schermo a Piccadilly Circus, Londra   -   Diritti d'autore  Matt Dunham/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Nonostante le restrizioni che vietano i raduni, centinaia di persone si sono riunite a Londra per rendere omaggio al principe Filippo. Alcuni hanno indossato gli abiti migliori per deporre un mazzo di fiori davanti al cancello di Buckingham Palace. Un uomo spiega di averlo fatto. "Non faccio passeggiare il cane vestito così, ma davanti a un lutto nazionale l'ho trovato giusto".

Per molti cittadini britannici la figura del duca Filippo, da decenni impegnato nel ruolo di principe consorte, è stata una di quelle presenze che i più danno per scontate. Ora la sua scomparsa segna la fine di un'epoca. Nel paese sono molti coloro che avvertono questo come un passaggio storico. "Come se la storia si scrivesse davanti a me", dice una donna.

"Forse ce lo aspettavamo tanti, aveva 99 anni e da settimane andava su e giù... sapevamo che da un giorno all'altro sarebbe potuto accadere qualcosa. ma ha resistito con forza fino alla fine", aggiunge un'altra.

Celebre per le sue uscite a volte brutali, il principe consorte solo qualche mese fa dava da lavorare ai giornali, per gli incidenti stradali, a volte con feriti, che andava causando ogni volta che si meteva alla guida dell'auto. Ora lo celebra il premier Johnson, che parlando della sua morte sottolinea come FIlippo abbia concorso a mantenere la monarchia una "istituzione indiscutibilmente vitale per la felicità dell'întera nazione"

"Filippo è il principe consorte piu longevo della storia. Non sarà ricordato come una persona "politicamente corretta", ma per il suo essere diretto e per la sua vita piena di contraddizioni. Ma qui verrà ricordato con affetto, grati dei 7 decenni in cui ha offerto il suo sostegno alla regina", spiega Luke Hanrahan, corrispondente di Euronews.

Con la sua morte il principe cancella le innumerevoli battute di spirito di cui era stato fatto oggetto, soprattutto per le sue frequenti gaffes, quando non per le sue idee politiche, considerate decisamente di destra. "Ha arrecato grandi offese, ma per uno della sua posizione è più facile che venga scusato. Forse è stato inappropriato, ma questo è ciò che accade", afferma una donna.

A rendergli omaggio anche cittadini stranieri, come questo signore, che viene dagli Stati Uniti. "In Nord America lo abbiamo sempre visto come esponente di una monarchia che cerca di fare del bene al mondo, dunque abbiamod eciso di venire a rendere omaggio a un uomo buono". "È un giorno molto triste non solo per i britannici e per la corona ma per il tto il Commonwealth. Un giorno molto triste", aggiunge un altro. Con la morte del duca iniziano gli otto giorni di lutto nazionale previsti dal protocollo reale prima dei funerali, che si celebreranno tra un asettimana.