ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Libano nel pantano, tra proteste, instabilità politica ed economia in crollo

euronews_icons_loading
Beirut, 16 marzo 2020: un giovane ambulante siriano nella zona degli scontri esplosi durante le ultime proteste
Beirut, 16 marzo 2020: un giovane ambulante siriano nella zona degli scontri esplosi durante le ultime proteste   -   Diritti d'autore  Hussein Malla/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Acrimonia istituzionale, impasse politica, rimpallo di responsabilità tra le più alte cariche dello stato.

Si fa sempre più esplosiva la situazione in Libano, da mesi paralizzato da un'aspra crisi economia e nelle istituzioni.

In un messaggio televisivo, il presidente Michel Aoun ha ora dato un ultimatum al premier designato Saad Hariri: "si decida a formare rapidamente un governo - ha detto - o si faccia da parte

Accuse incrociate

Nel mezzo di una depressione economica senza precedenti negli ultimi 30 anni, Hariri è stato incaricato ad ottobre di formare un esecutivo, ma il tutto si è impantanato nelle sabbie mobili degli infiniti mercanteggiamenti tra i principali partiti al potere.

Bilal Hussein/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Beirut, 16 marzo 2021: un manifestante scaglia una pietra contro la sede della banca centraleBilal Hussein/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Dal canto suo, il premier designato ha reagito all'ultimatum del presidente rimpallando su di lui le responsabilità per lo stallo: "Se non è in grado di firmare il decreto per la formazione di questo governo - ha dichiarato - pronto a garantire le riforme per fermare il collasso del paese, dia il via libera a un'elezione presidenziale anticipata"

Pressioni internazionali

Tensioni alimentate tanto dalle pressioni internazionali quanto dalle manifestazioni di piazza che continuano a susseguirsi a Beirut.

Mercoledì, un funzionario francese ha esortato europei e americani ad aumentare l'attenzione sulla classe politica libanese per ottenere la formazione di un nuovo governo, pena l'introduzione di sanzioni. Parigi, in particolare - che ad agosto, per bocca dello stesso presidente Macron, aveva promesso che i libanesi non sarebbero stati "lasciati soli" - ha subordinato ogni aiuto finanziario alla formazione di un governo che sia tecnico e apartitico e possa assicurare le riforme giudicate inderogabili per il paese.

Nelle stesse ore, a Beirut i manifestanti sono tornati in strada a protestare contro una nuova caduta della lira libanese, che in un anno e mezzo ha perso il 90% del suo valore: un gruppo particolarmente agguerrito ha tentato di penetrare nella sede del ministero dell'economia, giudicato colpevole per iperinflazione e crollo del poter d'acquisto

Secondo l'ONU, il 55% dei quattro milioni di libanesi vive ormai otto la soglia di povertà, con meno di 3,84 dollari al giorno

Spiragli all'orizzonte

Ma il fuoco incrociato che arriva dalle piazze e dalla diplomazia internazionale qualche effetto, in termini di stabilità, potrebbe sortirlo.

In mattinata, Hariri ha infatti accettato di incontrare - "con le idee chiare circa l'esecutivo da proporre - il presidente Anoun: sul tavolo, oltre al dossier economico, c'è ovviamente quello internazionale, con l'impellente urgenza di riguadagnare credibilità agli occhi di Parigi e della comunità internazionale tutta