ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Nel Regno Unito il rapimento di una donna è diventato un caso politico

Di Giulia Avataneo
euronews_icons_loading
Nel Regno Unito il rapimento di una donna è diventato un caso politico
Diritti d'autore  Kirsty Wigglesworth/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Inghilterra è scossa dalla scomparsa di una giovane donna.

Sarah Everard, londinese di 33 anni, stava tornando a casa a piedi alle 9 di sera del 3 marzo dopo aver fatto visita a un'amica. Un tragitto di 50 minuti durante il quale è sparita. In relazione al caso è stato arrestato un ufficiale di polizia, non ancora formalmente accusato ma indiziato dagli inquirenti.

Ha destato particolare scalpore che l'uomo prestasse servizio di scorta a politici e diplomatici. In più, è emerso che l'agente era stato denunciato per atti osceni appena tre giorni prima del rapimento di Everard.

Un coprifuoco di fatto

L'episodio ha destato una forte emozione in tutto il Paese: foto segnaletiche, veglie e richieste di informazioni si sono moltiplicati sui social media. Fino a una svolta drammatica: il ritrovamento di resti umani in un bosco alla periferia di Londra, mercoledì scorso. La Polizia non ha ancora confermato l'identificazione della donna, ma i genitori di Sarah hanno già diffuso un comunicato in cui citano apertamente la morte della figlia.

"Le donne sanno che il rapimento e il femminicidio sono solo lo scenario peggiore in un ampio spettro di minacce cui sono sottoposte quotidianamente - ha detto in parlamento la deputata Harriet Harman - Tutte le volte che la Polizia consiglia loro di non uscire sole di notte, le donne si chiedono perché devono essere soggette a un coprifuoco mascherato. Non sono le donne il problema ma gli uomini".