ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Milano: sempre più persone in coda per un pasto

euronews_icons_loading
La lunga fila fuori da un punto di distribuzione di Pane Quotidiano a Milano
La lunga fila fuori da un punto di distribuzione di Pane Quotidiano a Milano   -   Diritti d'autore  MIGUEL MEDINA / AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Lunghe, lunghissime file, inimmaginabili solo un anno fa. E oggi - anzi, ormai da qualche mese - purtroppo realtà.

Ci troviamo fuori da uno dei punti di distribuzione a Milano di "Pane Quotidiano", la ONLUS che offre cibo a chi non può permetterselo. Ogni giorno, circa 3.500 persone si presentano ai due punti di distribuzione meneghini.

Molti in fila si nascondono il volto, per paura di essere riconosciuti. "Andare avanti più di un anno senza lavorare, quel poco che avevi messo da parte se n'è andato", spiega Aldo Ferrara, addetto alla ristorazione. "Non è vita. Per me non è vita, io non sono abituato a venire qua o chiedere l'elemosina", dice Giovanni Altieri, buttafuori in una discoteca milanese. "Ho la mia dignità come persona".

La pandemia ha reso il nostro tessuto sociale ancora più fragile: sono sempre più le persone che a Milano non possono permettersi un pasto. Aiutaci: dona ora e condividi il pane quotidiano.

Posted by Pane Quotidiano Onlus on Tuesday, December 15, 2020

Nell'ultimo anno in Italia un milione di persone in più vivono in povertà assoluta, per un totale di 5,6 milioni, il 9,4% della popolazione. L’incremento delle famiglie in povertà assoluta è maggiore al Nord, la zona più colpita dalla pandemia.

Video editor • Cinzia Rizzi