ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Kamala Harris e Jacinda Ardern in video-conferenza con l'europarlamento

euronews_icons_loading
Kamala Harris e Jacinda Ardern in video-conferenza con l'europarlamento
Diritti d'autore  J'rg Carstensen/(c) Copyright 2021, dpa (www.dpa.de). Alle Rechte vorbehalten
Dimensioni di testo Aa Aa

Parlamento europeo in grande spolvero per la festa della donna. Due statiste di successo non europee invitate in video-conferenza, la prima ministra neozelandese, Jacinda Ardern e Kamala Harris, la vice presidente degli Stati Uniti.

Entrambe hanno sottolineato come le donne siano state due volte vittime della pandemia. Chiuse in casa per i confinamenti, hanno subito più violenze domestiche che nelle epoche precedenti al covid, l'hanno chiamata la "pandemia ombra". Un dramma claustrofobico.

La vice del presidente Joe Biden ha riferito all'eurocamera:

"la crisi globale ha chiarito l'importanza del contributo femminile per le sfide che le donne devono affrontare. Così com'è il mondo non è adatto alle donne come dovrebbe. Il covid ha minacciato la salute, la sicurezza economica e la sicurezza personale delle donne ovunque".

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha sottolineato il ruolo positivo di Harris e Ardern nei rispettivi Paesi, e ha annunciato iniziative a favore delle donne europee:

"sono orgogliosa che la settimana scorsa la Commissione abbia presentato due proposte per risolvere due delle più gravi ingiustizie che gravano sulle donne, il divario salariale di genere e quello occupazionale".

Ci sono state manifestazioni femministe un po' dappertutto in Europa. A Bruxelles un gruppo di 50 donne rimaste senza lavoro durante la pandemia ha occupato una chiesa in segno di protesa.

Invece a Berlino migliaia di persone, soprattutto donne, si sono riunite per manifestare contro l'aumento dei femminicidi e le violenze contro le donne, in particolare durante il coronavirus.