ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

Viktor Orbán lascia il partito popolare europeo

euronews_icons_loading
Viktor Orbán lascia il partito popolare europeo
Diritti d'autore  Ezequiel Scagnetti/Ezequiel Scagnetti
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo anni di aspri dibattiti, il Partito Fidesz del premier ungherese Viktor Orbán alla fine ha lasciato il gruppo del Partito popolare europeo. La decisione è arrivata come risposta alla mossa della famiglia politica europea che ha cambiato i suoi regolamenti interni consentendo l'espulsione di interi partiti politici.

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán - presidente anche del partito Fidesz - ha ritirato i suoi 12 deputati con effetto immediato, definendo quella del PPE "mossa ostile contro Fidesz e i suoi elettori".

C’è chi nel PPE si dice felice dell’uscita di Fidesz: ”Sono molto soddisfatto, penso che sia una buona notizia per il PPE perché siamo più uniti come famiglia, siamo più liberi”, afferma Andrzej Halicki, eurodeputato polacco.

I rapporti tra Viktor Orbán e la più grande famiglia politica di centrodestra d'Europa erano ai ferri corti da anni. Molti dei suoi ex alleati del PPE lo hanno criticato per la svolta antidemocratica e per minacciare lo Stato di diritto in Ungheria.

“Quello che sta succedendo in Ungheria è la sostanza del problema, oltre all’approccio provocatorio contro l'Europa e alcune dichiarazioni di Viktor Orbán - spiega Manfred Weber, presidente del gruppo PPE al Parlamento europeo-. Il PPE si basa sullo spirito di Martens, Adenauer, Kohl, de Gasperi che hanno fondato l'Unione europea di oggi. Fidesz negli ultimi anni si è allontanato da questo terreno comune".

I deputati di Fidesz ritengono che nell’agire in questo modo il PPE abbia dimostrato di avere vedute ristrette e antidemocratiche. Credono che Viktor Orbán avrà una forte rappresentanza a Bruxelles anche senza la protezione della famiglia politica europea.

"Non credo affatto che perderemo alcuna influenza - sostiene Balázs Hidvégi, deputato europeo di Fidesz- infatti se guardate agli sviluppi degli ultimi anni anche a livello europeo, vediamo che l'influenza del Primo Ministro ungherese e del gruppo di Visegrad è aumentata ".

I 12 deputati del partito Fidesz affermano che è troppo presto per speculare sul loro futuro al Parlamento europeo.