ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Repubblica ceca, bloccata la ristrutturazione dell'ossario medievale

euronews_icons_loading
Screengrab
Screengrab   -   Diritti d'autore  from Euronews video
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Ossario di Sedlec, Repubblica ceca, nella chiesa di Tutti i Santi è uno dei più singolari al mondo.

La sua ricca decorazione contiene i resti di circa 60.000 persone, la maggior parte delle quali morì di peste nel XIV secolo.

La leggenda narra che, quando un monaco quasi cieco impilò le ossa in quattro enormi piramidi, a quest'ultimo ritornò la vista.

Nel 1870, poi, fu completata la decorazione della chiesa nella forma che si conosce oggi.

Il rinnovamento del sito medievale affronta oggi problemi finanziari a causa della pandemia.

from Euronews video
Screengrabfrom Euronews video

L'ossario non è stato concepito per stupire o spaventare, ma principalmente per ricordare la mortalità.

Il messaggio è semplice, e per i visitatori è uno spunto di riflessione sul senso della vita.

Sei anni fa, s'avviò la completa ristrutturazione della chiesa e le ossa rimanenti, che si trovavano principalmente all'interno delle piramidi, iniziarono a sgretolarsi.

"Ora dobbiamo procedere alla costruzione in legno della piramide - dice il referente dei lavori - e poi dobbiamo sistemare pavimenti e resti ossei".

L'ossario era una meta turistica molto frequentata, con mezzo milione di visitatori ogni anno, ma ora il Covid-19 ne sta influenzando negativamente il destino, azzerando il flusso turistico e i soldi per la ricostruzione.

"Le risorse economiche scompaiono molto velocemente - afferma la portavoce dell'ossario - stiamo valutando possibilità anche in seno all'Unione europea".

Terminata la ricostruzione della chiesa, è necessario ora smantellare altre tre piramidi, pulire e conservare ossa e teschi, in modo da assicurarne la durata ancora per molti secoli.