ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Nucleare iraniano, Ravanchi: "Ue potrebbe far tornare gli Usa nell'accordo"

Di Euronews
euronews_icons_loading
Nucleare iraniano, Ravanchi: "Ue potrebbe far tornare gli Usa nell'accordo"
Diritti d'autore  ATTA KENARE/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

L'accordo sul nucleare iraniano del 2015 è stato uno dei risultati diplomatici di riferimento dell'era Obama. Prima che Donald Trump decidesse di ritirare gli Stati Uniti, scatenando la rabbia dell'Iran. Ma c'è qualcuno che potrebbe rimescolare nuovamente le carte in tavola, come spiega l'ambasciatore di Teheran alle Nazioni Unite, Majid Takht Ravanchi.

"Ci sono ruoli specifici nei quali l'Unione europea può e deve giocare. Una delle questioni che è stata menzionata dal nostro ministro degli Esteri, Javad Zarif, riguarda il ruolo che Bruxelles può svolgere per facilitare il ritorno degli Stati Uniti nell'accordo. Quindi il ruolo che l'Unione può giocare è abbastanza chiaro e si basa su ciò che è scritto nell'intesa e nella risoluzione 2231 delle Nazioni Unite".

L'ambasciatore ha anche contraddetto i recenti commenti riportati dal ministro dell'intelligence iraniano, secondo cui il Paese potrebbe acquisire armi nucleari se le sanzioni non venissero revocate. "Le armi nucleari non hanno alcun posto nella nostra dottrina difensiva. L'Iran non ha alcun interesse a possedere armi nucleari", prosegue Ravanchi. "Le armi nucleari sono proibite in base alla fatwa della Guida Suprema. Non abbiamo alcun interesse ad acquisire armi nucleari e non c'è stato alcun cambiamento nella nostra politica in merito".

Teheran intanto ha fatto sapere che settimana prossima bloccherà le ispezioni dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) delle Nazioni Unite, qualora le altre parti dell'accordo sul nucleare dovessero continuare a non rispettare gli impegni presi.