ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ue, il punto sui vaccini tra produzione di massa e ritardi nella distribuzione

Di Euronews
euronews_icons_loading
Ue, il punto sui vaccini tra produzione di massa e ritardi nella distribuzione
Diritti d'autore  EBU
Dimensioni di testo Aa Aa

Qualche falla l'ha rivelata, la strategia di vaccinazione in Europa. Ma la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, respinge alcuni degli addebiti, a partire dall'ipotesi, poi scartata, di far scattare la clausola di salvaguardia e introdurre controlli al confine tra l'Irlanda del Nord e la Repubblica d'Irlanda con l'obiettivo di evitare l'ingresso per vie traverse nel Regno Unito di forniture di vaccino.

"Permettetemi una parola sull'isola d'Irlanda - ha detto von der Leyen - il punto fondamentale è che sono stati fatti degli errori nel processo che ha portato alla decisione (di invocare i controlli alle frontiere) e me ne rammarico profondamente, ma alla fine abbiamo agito bene. E posso assicurarvi che la mia Commissione farà del suo meglio per proteggere la pace dell'Irlanda del Nord proprio come ha fatto durante tutto il processo della Brexit".

Von der Leyen ha anche sottolineato gli sforzi per accelerare il processo di approvazione dei vaccini da parte dell'Agenzia europea per i Medicinali: "Abbiamo bisogno di migliorare la condivisione dei dati quando si tratta di strutture sanitarie e su questo stiamo lavorando. In parallelo, la nostra Commissaria alla Salute, Stélla Kyriakides, lavorerà su un quadro normativo che permetta all'EMA (Agenzia europea dei Medicinali) di esaminare questi vaccini il più rapidamente possibile".

Nel tweet di von der Leyen: "Per superare questa pandemia, dobbiamo anticipare e assicurarci di avere vaccini sicuri ed efficaci contro le nuove varianti del virus. __Questo è il motivo per cui stiamo lanciando un programma di preparazione contro le varianti la prossima settimana".

La presidente della Commissione europea ha dunque ribadito la volontà di raggiungere "l'obiettivo di immunizzare il 70% della popolazione in Europa entro l'estate". Un percorso che passa attraverso l'ottimizzazione della produzione di massa e un iter più veloce nelle autorizzazioni.