ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Turismo, nel 2020 perdite record

euronews_icons_loading
frame
frame   -   Diritti d'autore  frame
Dimensioni di testo Aa Aa

2020: perdite record per il settore turistico. Secondo l'Organizzazione mondiale del Turismo la pandemia ha ridotto gli arrivi internazionali del 74 per cento, causando perdite nette per 1,3 trilioni di dollari. Anche questa è una cifra record: ben 11 volte le perdite generate dalla crisi economica dal 2008 a oggi.

L'Europa ha registrato un calo di circa il 70 per cento degli arrivi, nonostante una effimera ripresa nel corso dell'estate. Nel 2020 il vecchio continente segna la flessione maggiore in termini assoluti, con oltre 500 milioni di turisti internazionali in meno.

La crisi inoltre ha messo a rischio tra i 100 e i 120 milioni di posti di lavoro nel settore del turismo, molti dei quali in piccole e medie imprese. Chi lavora nel settore non si attende una ripresa né ravvicinata né rapida.

Giacomo Galeotti, operatore turistico toscano: "Il 2021 non sarà sicuramente l'anno di un rapido rilancio. Il business sarà ancora abbastanza lento. Abbiamo più fiducia nella seconda metà dell'anno, quando le vaccinazioni andranno a un ritmo più veloce".

In Italia, dove secondo Confesercenti rischiano di chiudere oltre 70mila imprese, i ristori previsti del governo sono considerati insufficienti.