ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Fotogallery: così, l'arte di strada è divenuta voce dell'opposizione bielorussa

Access to the comments Commenti
Di Antonio Michele Storto  & Stefan Weichert
Il filo spinato "aggiunto" ai capelli di una bambina su di un murale voluto dal governo per celebrare l'amicizia con Mosca
Il filo spinato "aggiunto" ai capelli di una bambina su di un murale voluto dal governo per celebrare l'amicizia con Mosca   -   Diritti d'autore  Stefan Weichert
Dimensioni di testo Aa Aa

Da oltre quattro mesi, manifestanti e polizia continuano a scontrarsi in Bielorussia, dopo le elezioni presidenziali che lo scorso 9 agosto hanno riconfermato per un quinto mandato Alexander Lukashenko, che ha conquistato l'80% dei voti in una tornata che per l'opposizione sarebbe stata viziata da intimidazioni e macroscopici brogli.

Ma una più sottile forma di conflitto ha iniziato a viaggiare parallela agli scontri di piazza. Protagonisti sono gli street artist di Minsk e del resto del paese: ogni notte, escono con zaini pieni di bombolette e materiali per la creazione di arte murale. E ogni mattina, le autorità si trovano costrette a cancellare le loro creazioni, le cui tematiche e i cui messaggi sono sempre più ostili al governo.

Aleh Larychau, 34 anni, uno dei più importanti street artist bielorussi ha portato Euronews a fare un tour di queste opere in giro per Minsk.

"Sempre più politicizzati"

Il fenomeno della street art è cresciuto esponenzialmente da quando la crisi politica è esplosa nel paese in agosto: ma ben presto, queste opere sono finite nel mirino delle autorità e della macchina repressiva statale.

Passeggiando per Minsk, è frequente trovarsi di fronte ad edifici sulle cui mura spiccano grandi quadrati dipinti di marrone, grigio o rosso: è così che la polizia e le autorità coprono le creazioni di questa nuova ondata di artisti sempre più politicizzati

Credit: Stefan Weichert
I segni della censura su un muro nei pressi del parlamento bielorussoCredit: Stefan Weichert
Credit: Stefan Weichert
Questi quadrati, utilizzati per coprire le opere sgradite al governo, sono ormai disseminati per tutta Minsk. Qui siamo in un sobborgo di periferiaCredit: Stefan Weichert

"Un gran numero di disegnatori e di artisti che prima non si occupavano di politica, ora sono politicizzati: lavorano, per così dire, in segno di protesta" ci ha spiegato Larychau, mente del Signal Project, che dal 2011 sostiene gli artisti di strada.

"In Bielorussia - continua - sta avvenendo un cambiamento epocale e in questo processo la componente visiva è essenziale. Artisti, fotografi, designer creano, trasmettono le idee di chi vuole chiudere il periodo della dittatura".

"Gli individui moderni - continua - trovano molto più immediata la percezione di immagini visive rispetto al testo". Ecco perché le opere di designer, illustratori e artisti di strada sono oggi molto importanti".

Credit: : Stefan Weichert
Lo street artist Aleh LarychauCredit: : Stefan Weichert

"Se mi arrestano, ne approfitterò per leggere"

Secondo Larychau, il giro di vite sull'arte di strada si accanisce su tutti e tutto, dai grandi murales e i classici graffiti fino ai pezzi più piccoli e alle immagini in apparenza più insignificanti.

I pezzi vengono spesso rimossi dopo uno o due giorni.

Credit: Stefan Weichert
Un wheatpaste (poster) raffigurante il presidente Lukashenko con la bocca grondante sangue nel centro di MinskCredit: Stefan Weichert
Credit: Stefan Weichert
Dipinto raffigurante una bambina con la vecchia bandiera bielorussa, ormai banditaCredit: Stefan Weichert
Credit: Stefan Weichert
L'agente "questo è un ordine, mamma". La donna: "perché, figlio?Credit: Stefan Weichert

Larychau teme che il suo arresto possa essere soltanto una questione di tempo. Molti artisti sono già stati costretti a lasciare la Bielorussia per la minaccia della detenzione. Ma Larychau dice che non ha intenzione di fare altrettanto.

"Sono un ideologo" dice. "Il sogno più importante è che le persone possano partecipare alla vita del Paese e plasmare il loro futuro in modo indipendente. Non come ora, dove è qualcun altro a decidere per noi".

"Siamo tutti abituati al fatto che la polizia possa arrestare chiunque. La persona con cui parli oggi potrebbe benissimo essere arrestata domani. Se arresteranno me, mi metterò a leggere libri".

"Non voglio andare da nessun'altra parte. Ho molti amici che se ne sono andati, e finiscono per perdere il contatto con la realtà; vivono in un limbo di notizie, persi nel flusso di informazioni su internet. Perdono il contatto con la gente in carne e ossa".

Larychau ha detto di essere in contatto anche con i sostenitori di Lukashenko per riuscire a capire le loro motivazioni. Secondo lui, non c'è molto in realtà che li separi dall'opposizione. Entrambi i gruppi "vogliono vivere in Bielorussia" e condividono il sogno di vedere il Paese svilupparsi.

Fermento inarrestabile

Oggi in Bielorussia non sono solo gli artisti veterani o professionisti come Larychau ad usare l'arte di strada come mezzo di protesta. Dipinti, graffiti e arte visiva sono letteralmenre esplosi dopo le elezioni di agosto.

"Il governo ne ha rimosso gran parte, ma il cambiamento ormai si è messo in moto, ed è difficile da invertire" rivendica Larychau.

"La gente comune stampa i nostri disegni o i nostri simboli e li porta per le strade, ai raduni e oltre"" spiega. "Non c'è bisogno di saper disegnare per andare da qualche parte e incollare qualcosa. C'è un grande fermento nella società, e molte persone sono pronte a seguirne la scia", ha detto.

Larychau creò il progetto Signal Project per coinvolgere più persone nell'arte di strada, ma dice che ora c'è un rinnovato interesse per questa forma espressiva. L'obiettivo è sempre stato far riflettere la gente sul proprio futuro e di far sentire qualcosa di diverso dalla propaganda governativa e dalla pubblicità commerciale.

"Per realizzare un cambiamento in un paese autoritario come la Bielorussia, dove le libertà civili sono minime, è necessario lavorare con il sistema in una certa misura", ha aggiunto.

Per questo, l'artista ha partecipato in passato alla creazione di 13 grandi murales nei dintorni di Minsk. Alcuni sono visibili ancora oggi, pur essendo considerati politicamente controversi. Ha ottenuto l'approvazione del governo per questi murales, nonostante alcuni di essi abbiano un simbolismo che non è in linea con il governo. Tra questi c'è l'immagine di una donna che indossa i colori rosso e bianco dell'opposizione.

Larychau ci ha raccontato che spesso, per aggirare problemi e censura, ha dovuto dire al governo che i murales avevano un significato o un simbolismo diverso da quello reale. In questo modo, è riuscito in diverse occasioni a farli approvare.

Credit: Stefan Weichart
Larychau disse alle autorità che il rosso e il bianco di questo murale era dovuto al fatto che si trattava di un abito tradizionale. In realtà sono i colori dell'opposizioneCredit: Stefan Weichart

"Se osservate da vicino e ci pensate bene, vedrete cosa significano quei colori. Più tardi, quando ho parlato con i funzionari, hanno affermato che avevamo messo il rosso e bianco dell'opposizione come una bandiera, ma ho detto loro che si trattava solo di una camicia tradizionale", ci ha spiegato l'artista, aggiungendo che far approvare i murales "è sempre un'avventura".

Questi murales "autorizzati" si trovano in tutta la città: come quello di un ragazzo in un passeggino che si allunga verso il futuro, dell'artista spagnolo Slim Safont; o il murale di una ragazza legata alla modernità dell'artista bielorusso Mutus, e quello di un ragazzo che cammina dal passato verso un futuro migliore dell'artista australiano Fintan Magee.

Tutti questi dipinti potrebbero essere considerati controversi.

Credit: Stefan Weichart
I colori della madre nel disegno - verde e rosso - rappresentano l'attuale bandiera bielorussa. Il bambino è simbolicamente proteso verso un luogo distanteCredit: Stefan Weichart
Credit: Stefan Weichert
In questo murales dell'artista bielorusso Mutus, una ragazza è appesa a un filo sospeso nel cieloCredit: Stefan Weichert

Problemi con la legge

Un altro murale sullo stesso filone, raffigurante un uomo con una candela, che simboleggia la speranza di un futuro migliore, è stato rimosso un paio d'anni fa. Quando era stato dipinto, Larychau e altri artisti avevano detto alle autorità che era dedicato alle vittime di tutte le guerre in Bielorussia, ottenendo l'approvazione.

Più tardi, il governo l'ha coperto, quando si è reso conto che la gente lo interpretava come speranza per un domani migliore. Simboleggiava una luce nell'oscurità del regime bielorusso, ci ha spiegato l'artista.

Credit: Stefan Weichart
Questo murale fu approvato come tributo alle vittime delle guerre bielorusse. In seguito, il governo lo ha rimosso, interpretandolo come speranza in un domani miglioreCredit: Stefan Weichart

Larychau ha anche partecipato a progetti non approvati dal governo, come il filo spinato che è stato disegnato su un murale realizzato originariamente per celebrare amicizia tra Mosca e la Bielorussia, un gesto che ha innescato un'indagine di un mese da parte di una commissione.

L'artista è riuscito ad evitare il carcere, ma ha dovuto pagare una multa pesante. In altre occasioni, racconta, degli sconosciuti sono venuti a casa sua e lo hanno picchiato. Non può provare che ci sia il governo dietro a tutto ciò, ma ne è fermamente convinto.

Credit: Stefan Weichert
Il murale dell'amicizia tra Mosca e Minsk, che Larychau fu accusato di aver deturpatoCredit: Stefan Weichert
Credit: Stefan Weichert
Nel mazzo di fiori, il filo spinato che fu provocatoriamente aggiunto al murale filorussoCredit: Stefan Weichert

Nel corso degli anni Larychau ha anche partecipato alla pittura di quadri raffiguranti politici e forze di sicurezza, che sono considerati molto controversi. Tra questi c'è un ritratto di Igor Shunevich, il precedente capo del Ministero degli Affari Interni in Bielorussia, che viene mostrato vestito con un'uniforme del Ministero degli Interni sovietico.

Quel ministero , il NKVD, fu molto temuto e faceva riferimento al Commissariato popolare per gli Affari interni dell'Unione Sovietica, che ha massacrato migliaia di dissidenti e prigionieri politici negli anni Trenta e Quaranta.

"In parte al murale scrivemmo 'Sono orgoglioso dell'uniforme e dei metodi della NKVD'", racconta Larychau e sottolinea come il ministro Shunevich avesse in effetti detto di essere orgoglioso della NKVD in un'intervista con Komsomolskaya Pravda, "ma il ministro si è offeso, e io sono stato arrestato su due piedi, per strada , e sono stato processato più volte per teppismo. La polizia ha redatto dei protocolli falsi".

Credit: Aleh Larychau
Il poster che valse un arresto per teppismo ad Aleh LarychauCredit: Aleh Larychau

In altri disegni, Larychau ha dipinto la polizia antisommossa con le parole: "Sono io disperdo le assemblee pacifiche, grazie allo stipendio che mi pagate".

"Qualcosa è cambiato"

Secondo Larychau, l'arte di strada è ormai fuori dal controllo del governo.

"Ogni giorno la gente disegna e porta in strada il lavoro di artisti, illustratori e designer. È più di quanto potessimo sperare".

Ora il governo sta cercando di congelare e riportare il tutto sotto controllo.

"Pertanto, qualsiasi simbolo sulla speranza, sulla germinazione di qualcosa di nuovo ora è considerato illegale", ha detto Larychau,

"Ma è troppo tardi". aggiunte. "Il popolo si sta ora formando l'immagine di una nuova Bielorussia".

"Quando abbiamo iniziato, l'arte di strada non era affatto popolare in Bielorussia. Erano solo un po' di graffiti e lettere, ma dicevamo che le idee potevano essere trasmesse attraverso queste opere".

"Quando per la prima volta ci mettemmo in testa di fare un grande murale, tutti dicevano che questo sarebbe stato impossibile in Bielorussia. Ora anche lo Stato usa i murales", ha aggiunto. "Qualcosa è cambiato".