ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Una piscina eco-compatibile fa faville a Bruxelles

Di Claudio Rosmino
euronews_icons_loading
Una piscina eco-compatibile fa faville a Bruxelles
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

La piscina più ecosostenibile di Bruxelles, è ospitata nel campus di Etterbeek presso la Libera Università.

Immergiamoci in quello che è diventato, dopo un paio d'anni di lavori di ristrutturazione, un simbolo di come la tecnologia possa limitare l'impatto delle nostre attività sull'ambiente.

Il nuovo impianto produce oltre 500 tonnellate di CO2 all'anno in meno rispetto al vecchio.

Tratta le acque reflue e raccoglie la pioggia, consumando il 70% in meno di acqua rispetto a una normale piscina pubblica. I consumi energetici sono stati ridotti al minimo grazie a tecnologie efficienti, come l'impianto di cogenerazione, un sistema che produce sia elettricità che calore dalla combustione di biomasse.

Sven de Bruyn, ingenere: "Queste sono le unità di trattamento dell'aria e hanno incorporato il recupero di energia. Utilizzano pompe di calore e l'energia che possiamo estrarre dall'aria la mettiamo di nuovo in piscina. Quindi questo è in realtà per circa il 70% del risparmio energetico. Abbiamo anche installato la cogenerazione. Si tratta di produzione di calore e di elettricità allo stesso tempo. È un ottimo affare".

Il 60% dell'energia elettrica prodotta dal sistema di cogenerazione è utilizzata per la piscina, il restante 40% è per il resto del campus.

L'investimento totale per il progetto è stato di 7.800.000 euro, con un contributo della politica di coesione europea di 2.037.450 euro. La piscina, gestita dall'università, è sostenibile anche in termini di fabbisogno finanziario, grazie al numero di utenti, e fornisce un servizio utile alla comunità locale.

Dirk van der Miele, infrastrutture sportive ULB-bruxelles: "Abbiamo raddoppiato la capacità della piscina. Quindi ora invece di 80000 persone rispetto alla vecchia piscina, possiamo servire centocinquantamila persone all'anno. E non sono solo le persone che provengono dalle scuole, club o scuole di nuoto per bambini piccoli. Abbiamo naturisti che vengono a nuotare. Abbiamo immersioni subacquee. Abbiamo hockey sottacqua, nuoto sincronizzato, pallanuoto, nuoto in corsia".

La nuova piscina ha notevolmente migliorato le condizioni di nuoto, sia per gli utenti che per gli insegnanti, come confermato da un professore del dipartimento di Educazione Fisica e Fisioterapia.

Dice la professoressa Kristine de Martelaer: "Insegnare qui è più facile che insegnare in un'altra piscina. Eravamo così felici di avere una piscina come laboratorio vivente. Ecco il perché dell'alta qualità dell'acqua. È migliore che in altre piscine. È anche la qualità dell'aria lo è". La novità è in quella piscina più piccola, con il fondo mobile per quando abbiamo un gruppo che ha bisogno di operare a una certa profondità. Possiamo usare il bacino per gruppi con esigenze diverse".

La base della piscina didattica può essere portata da poche decine di centimetri di profondità a 2 metri.