ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'assurda multa al Comune di Parigi, per aver ingaggiato troppe donne

euronews_icons_loading
L'assurda multa al Comune di Parigi, per aver ingaggiato troppe donne
Diritti d'autore  AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Una decisione "assurda". Così la sindaca di Parigi Anne Hidalgo ha definito la multa da 90.000 euro inflitta al suo Comune, per aver violato le norme sulla parità tra i sessi nel 2018. Ma attenzione, perché - secondo lo Stato francese - sono state nominate troppe donne per incarichi di alto livello.

"11 donne, 5 uomini... La città di Parigi è stata multata per 90.000 euro perché sono state nominate troppe donne. Con le mie assistenti, le direttrici e le presidenti porteremo volentieri questo assegno alla ministra della Funzione pubblica", ha twittato la prima cittadina.

Questa multa "è chiaramente assurda, ingiusta, irresponsabile, pericolosa", ha aggiunto Hidalgo, denunciando il ritardo della Francia nel promuovere le donne: "per promuovere e arrivare un giorno alla parità, bisogna accelerare il ritmo e fare in modo che nelle nomine ci siano più donne che uomini".

Rispondendo su Twitter (qui sopra), Amélie de Montchalin ha riconosciuto che la disposizione, abrogata nel 2019, non ha senso: "La causa delle donne merita di meglio!", ha cinguettato. "Voglio che la multa serva a finanziare azioni concrete di promozione delle donne nella funzione pubblica".

La legge francese in questione fu introdotta nel 2013 e stabiliva che un sesso non doveva rappresentare più del 60% delle nomine a posizioni dirigenziali. Ma, ovviamente, era stata varata per garantire che le donne avessero pari opportunità rispetto agli uomini. Almeno.