ULTIM'ORA
This content is not available in your region

USA: la logistica dell'esercito per distribuire il vaccino dei record

Access to the comments Commenti
Di Paolo Alberto Valenti
euronews_icons_loading
USA: la logistica dell'esercito per distribuire il vaccino dei record
Diritti d'autore  Paul Sancya/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

L’autorizzazione di emergenza ha reso possibile negli Stati Uniti l'approvazione e la distribuzione del vaccino anti covid testato a tempo di record. Adesso scatta la parte logistica che viene curata dagli alti gradi dell'esercito. "Pensiamo che già tra circa 3 settimane, potremo consegnare i vaccini a tutti i fornitori come indicato dagli stati. Ad esempio, alle farmacie locali come si vuole fare": spiega il generale Gus Perna delle forze armate a stelle e strisce.

Vaccinazioni per individui che hanno almeno 16 anni età

Le vaccinazioni negli Stati Uniti potranno interessare tutti gli individui con più di 16 anni di età, fatta eccezione per le donne in stato interessante e chi è allergico ad almeno una delle molecole del vaccino. Reazioni allergiche sono state segnalate nel Regno Unito negli ultimi giorni, senza particolari rischi. Va comunque detto che la scienza segue passo passo tutti gli stadi cruciali della vita del vaccina e dei suoi esiti che si spera consentano di chiudere in fretta questo doloroso capitolo storico.

Benefici considerati largamente maggiori dei possibili rischi

"Con la scienza che guida il nostro processo decisionale, i dati disponibili di sicurezza ed efficacia supportano l'autorizzazione del vaccino Pfizer/BioNTech perché i benefici noti e potenziali del vaccino superano i suoi rischi noti/potenziali": afferma il Dr. Peter Marks che è fra gli alti dirigenti della Food and Drug administration americana.

L'attesa

Intanto il pubblico, nonostante qualche timore per eventuali effetti collaterali del farmaco, resta in trepidante attesa di essere vaccinato per poter riprendere una vita normale. I primi ad essere vaccinati saranno medici e infermieri e quindi e gli anziani a rischio, cominciando dagli ospiti delle case di riposo in tutti gli Stati Uniti.