ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vaccino anti-Covid: in Germania tutto pronto per la somministrazione di massa

Access to the comments Commenti
Di Kate Brady
euronews_icons_loading
Una dose del vaccino anti-Covid
Una dose del vaccino anti-Covid   -   Diritti d'autore  Matthias Schrader/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

La Germania sta preparando i centri, dove - probabilmente già da gennaio - verrà somministrato il vaccino anti-Covid della Pfizer, che potrebbe essere approvato dall'Unione europea a fine dicembre. Euronews ha visitato uno dei sei centri della capitale, già pronto.

Il piano tedesco prevede 8 milioni di vaccinati per la prima fase, con la precedenza per i lavoratori della sanità e le categorie a rischio. Un progetto da 200 milioni di euro.

In questa struttura di Berlino passeranno oltre 3mila persone al giorno

La fase 1 si terrà in appositi centri, perché il vaccino che dovremmo usare richiede delle particolari accortezze per la conservazione. Questo significa che non si possono usare i centri normali
Dilek Kalayci
Dipartimento per la salute, Senato di Berlino

Il vaccino della Pfizer-BioNTech deve essere conservato a -70 gradi. E sarà custodito in una località segreta prima di essere trasportato nei centri vaccinali. Per avere l'immunità ci vogliono due dosi a distanza di 21 giorni.

Il progettista Albrecht Broemme ha mostrato la struttura finale con i Lego.

"I lego sono serviti a mostrare la mia idea - dice Broemme - Ho costruito i box, poi l'area per le informazioni, l'entrata, l'uscita, un punto di soccorso e l'area di deposito. E la mia idea la vedete ora realizzata in questo centro".

Nel centro è prevista anche l'area per l'attesa: bisognerà aspettare mezzora prima di poter lasciare il padiglione. L'organizzazione prevede anche 3mila operatori solo per la città di Berlino.

Il governo contatterà le categorie che hanno la precedenza per lettera. La responsabile del dipartimento Salute di Berlino dice che è tutto pronto: "Le lettere sono pronte, le strutture anche. Possiamo mandare gli inviti in un attimo. Abbiamo già preparato il sistema per gli appuntamenti con un call center. Le prenotazioni potranno anche essere fatte online. Ovviamente molto dipendenderà dai cittadini: dalla loro volontà di ricevere il vaccino".