ULTIM'ORA
This content is not available in your region

I quartieri poveri di Madrid non hanno più luce

euronews_icons_loading
I quartieri poveri di Madrid non hanno più luce
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Le famiglie che vivono in questo quartiere periferico di Madrid non hanno avuto elettricità negli ultimi due mesi. Il sole è l'unica fonte di luce di cui Saida Chadou può godere. Ogni notte deve portare candele per la sua famiglia.

Sua figlia di 3 anni soffre di una malattia polmonare, che richiede assistenza medica e, soprattutto, energia: "È una vergogna totale per mia figlia, un'impotenza, una rabbia, perché la sua vita ora è l'elettricità, perché ha un dispositivo che deve usare quando ha difficoltà a respirare".

Vive in Spagna da 25 anni e dice che i servizi sociali non la aiutano.

Continua Saida: "L'ultima volta mi hanno detto 'Conosco il caso, non devi più venire. Se la bambina si ammala, vai in ospedale'". La casa di Saida si trova nella Cañada Real, la baraccopoli più grande d'Europa. Circa 8000 persone si sono stabilite illegalmente su 16 chilometri di terra.

Laura Gil, assistente sociale: "Qui c'è un caso di esclusione urbana ed è un problema di accesso ai servizi, che è quello che questo quartiere non ha. Ci sono molti settori di Cañada Real che non hanno servizi vicino alle loro case ".

Dall'inizio dell'interruzione di corrente, la polizia ha effettuato perquisizioni nella zona.

Il governatore regionale ha affermato che la coltivazione in casa di marijuana potrebbe aver causato un sovraccarico della rete. Qualunque sia la causa, madri come Saida vogliono - e hanno bisogno - della loro elettricità.

Saida: "Le persone ti voltano le spalle quando ne hai bisogno."

Così il nostro inviato: “Nel 2017, le amministrazioni nazionali, locali e regionali hanno firmato un accordo per trovare soluzioni per i residenti di Cañada Real. Tre anni dopo, anche i bisogni più elementari delle persone che vivono qui non sono stati ancora soddisfatti".