ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Veto dell'Ungheria, Orbàn sta bluffando?

Di Gabor Tanacs
euronews_icons_loading
Veto dell'Ungheria, Orbàn sta bluffando?
Diritti d'autore  Johanna Geron, Pool via AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Il veto sul bilancio europeo e il Recovery Fund da parte di Ungheria e Polonia viene percepito come un bluff. Ma per alcuni analisti non è così. A ben vedere le prospettive di crescita di questi due paesi sono di gran lunga migliori di alcuni membri storici dell'Unione europea. Stesso discorso vale anche per il deficit e il debito pubblico.

L'Ungheria ha anche accumulato un'enorme riserva in valuta estera e giorni prima del veto ha emesso con successo 2,5 miliardi di euro di titoli di stato sul mercato internazionale.

"Considerando questi fattori, a mio avviso anche in profonda recessione e con l'incertezza sui fondi UE, il bilancio ungherese è in una posizione stabile, non vedo alcuna vulnerabilità che permetterebbe di ricattare o forzare la volontà del Il governo ungherese, tutto sommato non vedo la possibilità di fare pressioni sull'Ungheria abbastanza da costringerla a firmare un accordo che non vuole firmare" dice Attila Weinhardt, analista di Portfolio.hu.

L'unico segno di nervosismo sui mercati ungheresi è stata una piccola corsa al cambio della valuta ungherese in euro, dollaro e oro, ma si è scoperto che non si trattava di una reazione al veto, ma di un breve rialzo del tasso di cambio del fiorino ungherese.

"È vero che il fiorino è cresciuto rispetto all'euro, potresti comprare un euro per circa 355 fiorini, che è un prezzo molto alto se confrontato con gli anni precedenti, ma per quest'anno è abbastanza buono, quindi molte persone hanno iniziato a comprare dollari o euro. Ciò ha portato a una piccola esplosione, le nostre riserve si sono esaurite ma è durata solo per pochi giorni" dice Dávid Ablonczy, proprietario di Correct Change.

Molti analisti occidentali pensano che Orbàn stia bluffando e che l'Ungheria abbia bisogno dei fondi europei come gli altri stati membri. Ma sembra che il governo ungherese sia preparato alle conseguenze economiche del veto e il popolo ungherese non è affatto preoccupato al momento.