ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Automobili: immatricolazioni in calo in tutta Europa

euronews_icons_loading
Automobili: immatricolazioni in calo in tutta Europa
Diritti d'autore  AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

L'illusione della ripresa poi di nuovo il tonfo. Dopo una tregua di un mese, le vendite di automobili in Europa sono crollate di nuovo a ottobre a causa dei nuovi confinamenti e del riaffacciarsi degli scenari più foschi con la recrudescenza del contagio da coronavirus. L'ACEA, l'associazione dei costruttori automobilistici europei ha comunicato un calo nelle immatricolazioni del 7, 8 % a ottobre 2020 rispetto allo stesso mese di un anno fa e nei mesi precedenti, da gennaio a ottobre, le immatricolazioni erano scese del 26,8%.

In controtendenza solo Irlanda e Romania, per il resto contrazione senza precedenti che supera anche le perdite registrate durante l'annus horribilis della crisi finanziaria, il 2009. Allora il settore usufruì di diversi aiuti statali e si riprese dopo sei anni. Oggi l'impatto maggiore si registra sul mercato spagnolo con un meno 21 per cento, poi su quello francese con meno 9,5 % di immatricolazioni, seguono a ruota la Germania meno 3,6 % e Regno Unito. Pressoché stabile l'Italia con un meno 0,2 % per effetto del residuo impulso degli incentivi alle vetture con alimentazione tradizionale, il consuntivo dei primi dieci mesi è però particolarmente pesante proprio per il nostro Paese (-30,9%). Per il Centro Studi Promotor per l'Italia "le previsioni per l'ultimo scorcio del 2020 e per il 2021 - dice il presidente Promotor Gian Primo Quagliano - non possono essere che catastrofiche. E' quindi essenziale che dal Parlamento venga la proposta di un pacchetto per l'auto da inserire nella Legge di Bilancio e che sia adeguato all'importanza del comparto che vale il 12% del Pil".

Tra i cinque maggiori paesi dell'Europa Occidentale, spiega il centro Promotor, soltanto la Spagna fa peggio dell'Italia (-36,8%). La soluzione individuata per rilanciare il settore è, in diversi Stati, l'auto verde. La Germania ha confermato ieri lo stanziamento di 3 miliardi di euro per sostenerne progettazione e sviluppo, stessa via per la Francia che prevede anche incentivi fino a 7mila euro per l'acquisto di auto elettriche o ibride.