ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ma chi l'ha detto che la lingua italiana non evolve? Ecco slengo.it per conoscere i nuovi linguaggi

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
internet
internet   -   Diritti d'autore  slengo.it
Dimensioni di testo Aa Aa

Ma chi lo ha detto che lingua italiana non evolva? Le nuove tecnologie, i cambiamenti sociali a cui soprattutto quest'anno siamo stati costretti causa coronavirus, hanno pesantemente influito sulla maniera di esprimerci. Lo slang, non soltanto dei giovani o dei gruppi che un tempo venivano definiti tribù metropolitane, è mutato profondamente e da ormai qualche anno esiste un mezzo che cerca di monitorare i cambiamenti: slengo.it

Tantissimi i termini anche derivanti da un inglese storpiato ormai entrati nella quotidianità

Si tratta di un vocabolario un po' diverso ad esempio dall'Accademia della Crusca dove alcune parole, quando iniziano ad essere molto usate, vengono segnalate per poi, eventualmente, essere inserite nel vocabolario. Molti media hanno raccontato il lavoro dei creatori di Slengo

A realizzare il progetto sono stati due amici ed ex compagni di università: Marco Lucio Giannotta, di Catania, e Stefano Pirone, di Napoli. Il primo è il web designer che ha costruito il sito di Slengo, mentre il secondo è la persona dietro Pidgin Edizioni, casa editrice indipendente che ha sponsorizzato il progetto.

Slengo è solo uno dei progetti più noti, ma i video per insegnare il vero italiano spuntano come funghi in trete.

La lingua italiana è viva e si evolve

La pagina conta ormai vari migliaia di termini unici che, a loro volta, si disperdono in varie accezioni. E non si tratta solo di slang, ma anche di espressioni dialettali ormai entrate nell'uso comune e usate molto oltre quelli che dovrebbero essere i confini fisici regionali.

Slengo deriva da un progetto già noto a tanti, non solo agli smanettoni di internet: Urban dictionary ovvero il dizionario gergale inglese che viene usato anche dai traduttori laddove sia assolutamente necessario riprodurre, con linguaggio moderno, conciso e corretto un'espressione ad esempio straniera. Non è un semplice archivio di termini, ma un lavoro certosino che nasce da internet dove forse l'evoluzione linguistica è più in sintonia con il tempo. Un lavoro che sarebbero forse chiamate a fare altre strutture forse più conosciute, che appaiono pero' slegate dalla cultura, dal vivere e dal parlare contemporanei.