ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Test rapidi e riconosciuti da tutti i paesi UE. Si lavora a una risposta comune contro il Covid 19

euronews_icons_loading
Test rapidi e riconosciuti da tutti i paesi UE. Si lavora a una risposta comune contro il Covid 19
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Poco a poco, l'Europa torna a chiudersi. Davanti alla portata e alla velocità della seconda ondata di Coronavirus, i governi nazionali stanno ricorrendo a misure sempre più restrittive, mentre si intravede all'orizzonte l'incubo di un nuovo lockdown.

Dopo la Francia di Macron, il prossimo paese a seguire potrebbe essere il Belgio, dove il numero di contagiati ogni 100.000 abitanti è il più alto nell'UE.

Ospedali pieni e personale insufficiente: a Liegi addirittura si è deciso di lasciare in corsia i medici contagiati ma asintomatici. Una scelta che la dice lunga sul livello di emergenza nel Paese.

Con questo senso di urgenza i leader dell'UE, si riuniscono giovedì in un vertice online per tentare di coordinare la risposta alla crisi sanitaria che non sta risparmiando nessun paese.

"Ogni giorno conta - afferma a Euronews il presidente del Consiglio europeo Charles Michel-. È estremamente urgente migliorare l'efficacia della nostra risposta alla pandemia".

L'UE vuole coordinarsi sulle strategie di vaccinazione e sui test comuni.

"Finora avevamo solo i famosi test PCR, che sono test che richiedono diverse ore prima di poter ottenere i risultati. I test rapidi possono cambiare la cose. Possono cambiare la nostra strategia ed è per questo che dobbiamo collaborare all'approvazione dei test rapidi e al loro riconoscimento reciproco. Ciò potrebbe anche aiutarci a ripristinare la libera circolazione delle persone", conclude Michel.

Il presidente del Consiglio europeo insiste sulla necessità di implementare dei piani di vaccinazione per dare le prime dosi disponibili a coloro che ne hanno più bisogno.

Tuttavia, la Commissione europea sostiene che il vaccinonon sarà disponibile per tutta la popolazione europea prima del 2022.

Quello di giovedì è il primo di una serie di incontri che, su suggerimento della Cancelliera tedesca Merkel, avranno luogo ogni settimana.

I leader europei dovranno confrontarsi spesso per evitare le divisioni che hanno portato a una risposta europea frammentata durante la prima ondata. Il tutto per limitare la perdita di vite e di mezzi di sussistenza per i cittadini europei.

Nel frattempo, proprio davanti al Consiglio europeo la Federazione europea dei sindacati dei servizi pubblici (EPSU) ha organizzato una protesta contro i tagli nel prossimo bilancio eurpeo del programma EU4health, che da 9,4 miliardi nella proposta originaria il Consiglio ha ridotto a 1,7 miliardi di euro.

Denunciano il collasso dei sistemi sanitari europei, che a causa della seconda ondata, sono ancora una volta sotto enorme pressione. L'organizzazione riporta inoltre segnalazioni di alti tassi di infezione tra gli operatori sanitari e assistenziali. I lavoratori sono esausti e molti affrontano un esaurimento.

“Abbiamo bisogno di un'azione concreta da parte del Consiglio per dimostrare che capisce veramente cosa sta succedendo nei luoghi di lavoro sanitari e assistenziali in tutta Europa", afferma Jan Willem Goudriaan, Segretario generale della EPSU. "Un finanziamento adeguato per il programma EU4health è un primo passo urgente. I nostri governi devono affrontare la mancanza di protezione per la salute e la sicurezza dei lavoratori, nonché la carenza di personale ".

La EPSU stima che oltre 200.000 operatori sanitari e sanitari siano stati infettati e diverse centinaia siano morti, inclusi medici, infermieri, personale medico e di supporto come gli addetti alle pulizie.

Questa settimana, infermieri, medici, assistenti sanitari, anziani e operatori sanitari e altri in prima linea si stanno mobilitando in tutta Europa. Le loro richieste sono di trasformare i settori della sanità e dell'assistenza sociale.

Infermieri e personale sanitario in Spagna aderenti all'iniziativa della Federazione europea dei sindacati dei servizi pubblici (EPSU)
EPSUInfermieri e personale sanitario in Spagna aderenti all'iniziativa della Federazione europea dei sindacati dei servizi pubblici (EPSU)