ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Stati Uniti: ronde armate, i cittadini si difendono da sé

euronews_icons_loading
Stati Uniti: ronde armate, i cittadini si difendono da sé
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

La campagna elettorale per l'elezione del presidente degli Stati Uniti porta con sé il bagaglio di veleni e contrapposizioni della lunga estate di proteste.

Uccisioni e sparatorie, aggressioni razziali, disordini e scontri hanno scatenato la ravvia che, a volte, si è trasformata in violenza.

Per Euronews, Andy Roesgen ha seguito alcune delle manifestazioni più accese, tra dimostranti e membri di milizie armate che si sono autolegittimate alla tutela dell'ordine pubblico.

Stati Uniti, armati alle manifestazioni

Negli Stati Uniti chiedete cosa fa la gente che va in giro imbracciando fucili, in occasione di tante proteste americane - nere, bianche, di sinistra, di destra. Loro - quelli armati - vi diranno: sono qui per "aiutare".

Steve Cochran, membro di "Oath Keepers" Militia, sembra un soldato in missione. Ci dice: "Siamo qui per difendere la proprietà di alcune persone che ce l'hanno chiesto".

"Vogliamo vedere giustizia, vogliamo vedere giustizia", è l'appello ripetuto da Quan Kaise, delle "United Pharaoah's Guard" Militia.

Ma nessuna di queste persone ha alcun legame con le forze dell'ordine. Sulle milizie e sul possesso indiscriminato delle armi da fuoco. oltre che sulla 'rabbia nera', si è concentrato parte del dibattito di una campagna elettorale ad alto tasso di conflittualità.

La corsa presidenziale passa anche dall'appoggio a queste organizzazioni armate.

La rabbia di Kenosha

Quando le proteste per lo più pacifiche di Kenosha, nel Wisconsin, sono diventate violente, i manifestanti del Black Lives Matter hanno accusato gli estremisti conservatori di aver trascinato il movimento e di aver acceso la protesta nei quartieri a maggioranza nera.

Ma Trump e il suo staff elettorale puntano il dito contro il Black Lives Matter per la violenza e le devastazioni: legge e ordine sono uno dei cavalli di battaglia della campagna elettorale repubblicana.

La docente di scienze politiche dell'Università di Milwaukee, Paru Shah, dice che gli elettori di Trump hanno recepito il messaggio. Come Kathy Johnson, sostenitrice del presidente, che dice ai microfoni di Euronews: "La divisività, il Black Lives Matter, tutto questo è molto più grande e molto spaventoso".

In questo contesto, si inserisce l'attività delle ronde armate. Nel caso di Kyle Rittenhouse, accusato di aver ucciso due manifestanti a Kenosha, l'arma non si è limitata ad essere un deterrente. L'adolescente ha detto di essere arrivato in macchina da un altro Stato per proteggere le proprietà dei cittadini di Kenosha.

In Michigan, 13 membri della milizia sono accusati di aver progettato un assalto al Campidoglio per uccidere il Governatore. Nonostante la gravità delle accuse, i "Custodi del Giuramento" - aderenti a uno dei tanti corpi speciali senza alcuna legittimità - hanno annunciato che il giorno delle elezioni pattuglieranno, come sempre, armati, l'esterno dei seggi.