ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il sogno nucleare della Polonia

euronews_icons_loading
Il sogno nucleare della Polonia
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

"Centrali nucleari", i polacchi le conoscono solo da film e televisione. Ma ricordano il loro impatto sulle vite delle persone - attraverso tragici ricordi come il disastro di Chernobyl.

La Polonia è uno dei pochi paesi europei a non avere un solo reattore nucleare. Ora le cose stanno per cambiare.

Dice il ministro Zbigniew Gryglas: "Abbiamo costantemente bisogno di nuove fonti di energia. Abbiamo bisogno di nuove centrali elettriche che forniranno elettricità all'economia polacca in crescita dinamica".

La Polonia non abbandonerà completamente il carbone. È anche noto che l'energia rinnovabile non è in grado di soddisfare le esigenze dell'economia polacca. Quindi, la strategia energetica nazionale prevede la costruzione di un settore nucleare civile.

Così l'eurodeputato Grzegorz Tobiszowski: "Realizziamo qualcosa che è molto importante per l'Europa. Da un lato ci preoccupiamo dell'ambiente, dall'altro: manteniamo la sicurezza energetica".

Anche il presidente Duda ha puntato sul "sogno nucleare": "È una lotta per il clima e l'aria pulita. Dobbiamo apportare cambiamenti nel nostro settore energetico. Dobbiamo avere più energia a base di gas. Probabilmente costruiremo anche centrali nucleari."

La Polonia non lo farà da sola, perché non ha esperienza. Lavorerà assieme a francesi e americani.

Così Piotr Muller, portavoce del governo polacco: "Possiamo aspettarci queste decisioni già quest'anno. Le trattative sono in corso. Sarebbe però irresponsabile da parte mia, se indicassi chi è il preferito, perché si parla di tanti soldi".

Brutte esperienze pregresse rendono i polacchi dubbiosi

Il governo presume che il nucleare contribuirà al 20% del mix energetico polacco.

Piotr Naimski, plenipotenziario governativo per le infrastrutture energetiche strategiche: "Fra 20 anni, vogliamo avere 6-9 gigawatt di energia nucleare, il che significa che costruiremo 6 reattori in diversi luoghi della Polonia".

Non si sa ancora dove verrà costruita la prima centrale nucleare polacca. Dice Pawel Gajda, Dipartimento per l'energia nucleare, AGH: "Attualmente si dice che l'ubicazione della prima centrale nucleare sarà sul Mar Baltico. Sono attualmente allo studio due località a ovest di Danzica".

Le stime dell'affare si calcolano sui 20/30 miliardi di euro. Afferma il nostro corrispondente: "Si parla di centrali nucleari in Polonia da oltre 30 anni. Questo governo ripete che manterrà le promesse. Di fronte alle sfide climatiche e alle pressioni politiche esterne, sembra che questa volta la Polonia passerà dalle parole ai fatti".