ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Lituania al voto, elezioni oscurate dal picco pandemico

euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Mindaugas Kulbis/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Domenica di voto in Lituania, dove i cittadini sono chiamati alle urne per rinnovare il Seimas (Parlamento nazionale).

Per la pandemia da Covid-19, già da lunedì scorso era possibile esprimere il proprio voto con modalità “anticipata”.

Il Paese torna ai seggi dopo una legislatura abbastanza travagliata.: le elezioni del 2016 avevano visto una vittoria schiacciante e a sorpresa per l’Unione dei contadini e dei verdi di Lituania (LVŽS).

Di qui la formazione del Governo guidato dal deputato indipendente Saulius Skvernelis, con il sostegno di LVŽS e del Partito Socialdemocratico della Lituania (LSDP).

I contrasti tra le due formazioni hanno portato nel 2017 alla decisione del Partito Socialdemocratico di ritirarsi dal Governo, creando una scissione.

Nel 2019 Skvernelis, dopo aver partecipato con scarso successo alle Presidenziali, decide di dare le dimissioni, poi respinte dal Parlamento.

Sondaggi: chi sono i favoriti

Nei sondaggi pre-elettorali, i favoriti restano, anche se in calo, l’Unione della Patria – Democratici cristiani di Lituania (Ts-Lkd) e l’Unione dei contadini e dei Verdi (Lvzs), dati intorno al 20%.

Il Partito di centrodestra, nell’attuale legislatura era all’opposizione del Governo mentre quello di centrosinistra è quello del premier uscente.

Un voto con gli occhi rivolti verso Minsk

Negli ultimi tempi, la Lituania è in prima fila insieme all’Unione Europea contro il regime di Lukashenko in Bielorussia.

Una battaglia che ha portato il Parlamento della Lituania ad adottare una risoluzione in cui si definisce Svetlana Tikhanovskaya, candidata dell’opposizione, “la Presidente eletta della Bielorussia”.

Minsk ha richiamato il suoi ambasciatore in Lituania e l’Esercito bielorusso ha rafforzato le misure di sicurezza ai confini, minacciando un blocco completo che potrebbe avere effetti pesanti per l’economia del Paese.

Circa 70 seggi verranno assegnati subito con sistema proporzionale, mentre il 25 ottobre si terrà un secondo turno di ballottaggio per i seggi assegnati con il sistema uninominale maggioritario.