ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Minsk: sanzioni da Estonia, Lettonia e Lituania, proteste a oltranza

euronews_icons_loading
Proteste contro Lukashenko
Proteste contro Lukashenko   -   Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre i Ministri degli Esteri dell'Unione europea lavorano a sanzioni contro alti esponenti bielorussi, i tre membri baltici del blocco - Lituania, Lettonia ed Estonia - sono andati avanti in forma autonoma, imponendo un embargo di viaggio a 30 alti funzionari dell'amministrazione Lukashenko.

Lo stesso Presidente è nella lista di coloro che non possono entrare nei tre Paesi.

"Alla base delle sanzioni mirate contro i funzionari bielorussi ci sono due motivi: primo, una massiccia frode elettorale; secondo l'uso della violenza contro manifestanti pacifici", spiega Urmas Reinsalu, Ministro degli Esteri estone.

Alle sanzioni di Lituania, Estonia e Lettonia dovrebbero seguire quelle decise dall'Unione europea, che già all'indomani delle elezioni non ha inteso riconoscerne i risultati.

Per un testo che convinca tutti i Paesi membri tuttavia, occorre ancora tempo.

"L'Unione europea dovrebbe agire in tempo e non fare troppo poco e troppo tardi.: a volte, questo meccanismo è piuttosto sofisticato e comprendiamo che ci voglia tempo.

Inoltre, comprendiamo che ci sono molti disordini in giro e molte sfide, non solo in Bielorussia: è tutto comprensibile, ma anche la nostra posizione è importante.

Stiamo parlando di europei, che vivono in territorio europeo", aggiunge Linas Linkevicius, Ministro degli esteri lituano.

Minsk ha reagito annunciando contromisure alle eventuali sanzioni, a cominciare dall'esclusione dei porti lituani dal traffico merci destinato alla Bielorussia, mentre il Ministro degli Esteri russo, Lavrov, ha condannato i provvedimenti assunti dagli stati baltici, definendoli "inaccettabili" nel mondo moderno.

AP/Tut.by
AP PhotoAP/Tut.by

Intanto, le autorità bielorusse hanno ripreso ad arrestare i manifestanti nella capitale, Minsk, dove gli studenti sono scesi ancora in piazza chiedendo le dimissioni del Presidente.

Diversi picchetti sono stati organizzati fuori dalle università, in quella che è la quarta settimana di proteste di massa nel Paese.

I media bielorussi riferiscono di almeno 18 arresti.