ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Beatles all'asta: febbre da Sotheby's

euronews_icons_loading
Uno degli oggetti all'asta da Sotheby's
Uno degli oggetti all'asta da Sotheby's   -   Diritti d'autore  Video AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Musica e passione, che resistono al peso degli anni. Ormai mezzo secolo dopo il loro scioglimento, a confermare la sempreverde febbre da Beatles è l'esito di un'asta di oggetti legati al gruppo, che si è svolta questo giovedì, nel quartier generale londinese di Sotheby's.

"E' incredibile constatare quanto la gente ancora ami e sia pronta a fare follie per i Beatles", dichiara Gabriel Heaton, direttore di Sotheby's Londra. "Il tempo passa, ma l'interesse nei loro confronti resta del tutto immutato. Credo che dipenda dall'ottimismo e dalla solarità che oggi attribuiamo alle loro musiche. Soprattutto in questo momento storico, quando ripensiamo agli anni sessanta, ci appaiono come un'età d'oro. I Beatles si divertivano un mondo. E si vedeva!".

AP Video
Un 45 giri autografato dei BeatlesAP Video

Tra i 60 lotti andati a ruba, anche un 45 giri di Love Me Do, autografato da tutti i Fab Four nel 1962, l'invito per l'esibizione davanti alla Regina madre l'anno successivo e soprattutto i celebri occhiali rotondi Windsor, ormai indissociabili dall'immagine con cui ricordiamo John Lennon.

"Ha iniziato a portare gli occhiali in pubblico nel 1966. La prima volta era stato per il film 'Come ho vinto la guerra'. Poi si è detto che gli stavano bene e così ha continuato a portarli. Questi sono occhiali molto rari e importanti, quindi, perché all'epoca metteva ancora soprattutto le lenti a contatto".

AP Video
Gli occhiali di John Lennon battuti a 48.000 euroAP Video

Articolo battuto al prezzo più alto, oltre 48.000 euro, proprio gli occhiali, inforcati per la prima volta da Lennon nel film di Richard Lester.