ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Rischio lockdown: il lunedì nero di Borse e mercati europei

euronews_icons_loading
Rischio lockdown: il lunedì nero di Borse e mercati europei
Diritti d'autore  Richard Drew/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

La paura della seconda ondata di Covid-19 e il rischio di nuovi confinamenti in diversi paesi (Francia, Regno Unito, Spagna, Irlanda e Danimarca), con inevitabili conseguenze all'economia, fanno crollare le principali Borse e mercati europei.

Crollano le Borse

Un lunedi nero, tra i più neri degli ultimi mesi.

La Borsa di Londra ha perso il 3,38%, Piazza Affari a Milano si è attestata sul -3,8%, mentre la Borsa di Parigi ha registrato il dato peggiore degli ultimi tre mesi, con il -3,74%.

Ancora peggio la Borsa di Francoforte, che ha subito una perdita del 4,37%.

Mercati a picco

Gli investitori hanno fatto un passo indietro e l'attività di vendita ha dominato i mercati azionari: lo Stoxx 600 europeo, con 30 grandi società chimiche quotate, è sceso di quasi il 3% verso la chiusura di lunedì, con le major come BASF e Covestro in calo di quasi il 5%.

Colpiscono in negativo anche i principali mercati azionari europei.
L'FTSE MIB di Milano e l'IBEX 35 di Madrid stanno pagando soprattutto un forte ed inevitabile rallentamento del settore turistico nel 2020.

Il CAC 40 di Parigi e il FTSE 100 di Londra sono in notevole calo anche a causa dalle nuove restrizioni imposte in Francia e nel Regno Unito, dopo un ulteriore aumento dei casi di Coronavirus.

Lagarde: "Ripresa incerta"

Parole poco confortanti arrivano anche dalla presidente della Banca Centrale europea, Christine Lagarde: "La ripresa è incerta", ha dichiarato la numero 1 della BCE.

"Tutto dipenderà dall'evoluzione della pandemia", ha aggiunto.

AP
Christine Lagarde all'incontro Ecofin di Berlino dello scorso 11 settembre 2020.AP

USA in panne

In difficoltà anche Wall Street.
La Borsa americana paga dazio ai dubbi sui tempi di ripresa dell'economia, ai dati disastrosi della pandemia nel paese e alla guerra commerciale USA-Cina che sembra non finire mai.