ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Aggressioni ai sindaci: la Francia si mobilita

Di Guillaume Desjardins
euronews_icons_loading
Il funerale del sindaco di Signes
Il funerale del sindaco di Signes   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Chi potrebbe immaginare che Croisilles, un paesino di meno di 2mila abitanti nel nord della Francia, è stato al centro delle cronache per un'aggressione al sindaco. E non si tratta di un caso isolato. Quest'anno sono stati oltre 200 gli atti di violenza nei confronti dei primi cittadini francesi.

"Gli ho detto: dammi le chiavi, non puoi guidare - racconta il sindaco Gérard Dué - e nel giro di un attimo non ho più visto nulla, mi sono trovato a tre metri di distanza, un sandalo qua, l'altro là, la schiena graffiata, il gomito graffiato e un polso che mi faceva male".

Tutto questo per essere intervenuto perché l'uomo disturbava la quiete pubblica.

Il mese scorso l'associazione dei sindaci francesi è intervenuta per attirare l'attenzione sul problema della sicurezza dei primi cittadini.

Nell'agosto 2019 la Francia è rimasta scioccata per l'omicidio del sindaco di Signes che aveva rimproverato un uomo che stava buttando rifiuti in strada.

Lo Stato o meglio la magistratura pensa che questi siano problemi di second'ordine, senza importanza, mentre sono fondamentali per garantire i principi di libertà, uguaglianza e fraternità
André Flajolet
vicepresidente associazione sindaci francesi

I sindaci possono anche mettere sanzioni amministrativi in molti settori, come la spazzatura, rumori eccessivi e comportamenti pericolosi. Ma hanno più responsabilità che potere e questi reati vengono puniti in maniera blanda.

Bisognerebbe metterli di fronte alle loro responsabilità. Tutti dovrebbero sapere che se te la prendi con un sindaco è come se lo facessi con un poliziotto, dovrebbe essere una circostanza aggravante. E non si dovrebbe contare sull'indulgenza del procuratore o del tribunale. Ci dovrebbe essere a ogni aggressione una sanzione
Philippe Bas
senatore

A dicembre 2019 una legge ha dato maggiori poteri ai sindaci. Ma ha mancato l'obiettivo perché invece di prevenire il problema, ha solo dato sostegno finanziario e psicologico dopo la violenza.