ULTIM'ORA
This content is not available in your region

FOTO Studenti, ex poliziotti, medici, attori: i volti delle proteste in Bielorussia

FOTO Studenti, ex poliziotti, medici, attori: i volti delle proteste in Bielorussia
Diritti d'autore  AP Photo/Evgeniy Maloletka
Dimensioni di testo Aa Aa

Dietro ogni manifestante che chiede elezioni eque in Bielorussia c'è una storia. Un poliziotto che si è licenziato, vergognandosi della violenza dei suoi colleghi. Un paramedico che ha curato le vittime di quella brutalità. Un attore che usa il suo teatro come sfondo per la rivolta, pronto a sabotare la sua carriera per cercare una nazione più libera.

In questa selezione di fotografie i manifestanti hanno in mano i loro personali segni di resistenza: fiori, una lettera di dimissioni, uno strumento musicale. Condividono ciò che li motiva a protestare, così come le loro speranze e paure.

Alexander Laubert, studente

Evgeniy Maloletka/AP
Alexander LaubertEvgeniy Maloletka/AP

Alexander Laubert, 18 anni, studente universitario, è stato tra le vittime della violenza della polizia in Bielorussia. Ha detto che la polizia lo ha aggredito perché aveva sul suo telefono le immagini delle proteste.

Laubert dice di aver sopportato due giorni di percosse, gli hanno rotto una rotula e gli hanno gettato della benzina addosso, quasi soffocandolo, prima che i volontari lo portassero finalmente in ospedale, dove gli è stata ingessata una gamba. Ora continua la sua protesta camminando per Minsk con le stampelle.

Tatyana, paramedico

Evgeniy Maloletka/AP
Tatyana è uno dei tanti medici che si sono uniti alle protesteEvgeniy Maloletka/AP

Tatyana si è unita alle proteste dopo aver curato i feriti quando la polizia ha cercato di disperdere la folla nella notte delle elezioni presidenziali del 9 agosto. "Nonostante quello che hanno subito - dice Tatyana - non hanno risposto con la violenza. Vogliono solo giustizia".

Mihail Zui, attore

Evgeniy Maloletka/AP
Mihail Zui, 39 anni, posa per una foto che mostra la sua lettera di dimissioniEvgeniy Maloletka/AP

Mihail ha presentato la sua lettera di dimissioni da uno dei principali centri culturali bielorussi, il teatro Yanka Kupala. Dopo che il regista del teatro ha deciso di sostenere i manifestanti, è stato licenziato e Zui si è dimesso in segno di solidarietà.

Valeria, studentessa

Evgeniy Maloletka/AP
Valeria, 19 anni, posa per una foto con cartello che recita "Gente pacifica per la libera scelta" durante una manifestazione davanti a un centro di detenzione a MinskEvgeniy Maloletka/AP

Alexander Ahremchyk, ex poliziotto

Evgeniy Maloletka/AP
Alexander mostra le sue medaglie e le spalline da ufficialeEvgeniy Maloletka/AP

Alexander non porta più le sue insegne e le sue medaglie dopo aver lasciato il servizio in seguito alle proteste. "Le mie dimissioni sono una protesta in sé", ha detto, spiegando che non si oppone ai suoi capi, ma "alla violenza ingiustificata nei confronti di coloro che sono stati detenuti".

Ales Varhamiev, pensionato e cantante

Evgeniy Maloletka/AP
Ales Varhamiev con la sua chitarraEvgeniy Maloletka/AP

Ales ha portato la sua chitarra in piazza dell'Indipendenza a Minsk per suonare l'inno anti-Lukashenko dei manifestanti "Scarafaggio, vattene!

Alexander Yablonskiy, pensionato

Evgeniy Maloletka/AP
Alexander Yablonskiy, 67 anni, durante un raduno a MinskEvgeniy Maloletka/AP

Pavel Stavpinskiy, operaio e osservatore elettorale

Evgeniy Maloletka/AP
Pavel Stavpinskiy, 43 anni, durante un raduno MinskEvgeniy Maloletka/AP

Pavel si è unito alle proteste dopo aver lavorato come osservatore alle elezioni presidenziali.

Olga Baryshnikova, studentessa e cantante di un coro

Evgeniy Maloletka/AP
In questa foto Olga Baryshnikova, 24 anni, indossa il costume nazionale bielorussoEvgeniy Maloletka/AP

Olga ha cantato per i manifestanti indossando un costume tradizionale bielorusso. "Non posso stare in silenzio in un momento come questo. Soffro per la Bielorussia", ha detto con le lacrime agli occhi.

Nikolay

Evgeniy Maloletka/AP
Nikolay, 30 anni, posa per una foto con una maschera di Batman durante un raduno a MinskEvgeniy Maloletka/AP

Durante le manifestazioni Nikolay indossa una maschera di Batman fatta in casa: per lui è sia uno strumento di difesa che una dichiarazione di intenti.

Viktoria Bogutenko, dipendente di una fabbrica di frigoriferi

Evgeniy Maloletka/AP
Viktoria BogutenkoEvgeniy Maloletka/AP

In questa foto Viktoria attraversa un picchetto per iniziare il turno serale, tenendo in mano una vecchia bandiera bielorussa.

"Sono contro le autorità, ma non sono favorevole a questo sciopero", ha detto. Con la voce soffocata dall'emozione parla dell'importanza di non interrompere l'attività della fabbrica, per il bene della "gente comune" come lei.