ULTIM'ORA
euronews_icons_loading
Macron a Beirut chiede una commissione d'inchiesta trasparente

"Sono qui per lanciare un'iniziativa politica", per chiedere ai dirigenti libanesi "di procedere con le riforme, un profondo cambiamento, la lotta alla corruzione".

È con queste affermazioni, ai limiti dello sgarbo diplomatico, che il presidente francese Emmanuel Macron ha dato voce alla rabbia popolare concedendosi ad un bagno di folla in una Beirut devastata dalle esplosioni di martedì.

Inchiesta internazionale aperta e trasparente

Un cambiamento che secondo Macron deve partire da un'inchiesta "internazionale, aperta e trasparente" per fare chiarezza sulla deflagrazione di 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio che ha provocato almeno 137 morti e 5.000 feriti, secondo un bilancio ancora provvisorio.

Primo capo di Stato ad arrivare nella capitale libanese dopo la tragedia, il presidente francese ha messo in chiaro che il suo Paese vuole svolgere un ruolo decisivo non solo nella ricostruzione di Beirut, organizzando, come ha detto ancora, "la cooperazione europea e più ampiamente la cooperazione internazionale". Ma intende anche esercitare la sua influenza, grazie agli antichi legami con il Paese dei Cedri, in un processo di rinnovamento che dia risposta all'esasperazione di una nazione verso il tradizionale sistema politico-confessionale, incapace di affrontare la crisi economica e sociale e garantire la sicurezza della stessa capitale.

Stretto controllo del flusso degli aiuti

"Il popolo vuole la caduta del regime" e "rivoluzione" sono le grida che si sono levate dai cittadini che hanno seguito in mattinata la visita di Macron a Gemmayze. Il presidente si è fermato a parlare con loro, ha abbracciato una donna, ha stretto le mani a molti, e poi ha promesso che tornerà il primo settembre per accertarsi di come vengono impiegati gli aiuti. Solo nel pomeriggio, al palazzo presidenziale di Baabda, ha incontrato i vertici delle istituzioni: il capo dello Stato Michel Aoun, il primo ministro Hasan Diab e il presidente del Parlamento Nabih Berri. Un colloquio, seguito da quello con i rappresentanti di tutti i gruppi parlamentari, che deve avere avuto anche momenti di tensione.

All'uscita non vi è stata alcuna conferenza stampa congiunta, ma Macron ha detto di avere parlato "molto francamente", mentre il presidente Michel Aoun ha assicurato la "ferma determinazione" delle autorità libanesi nell'accertare le cause delle due esplosioni e ad "applicare sanzioni appropriate" ai responsabili.

I libanesi restano scettici

Il ministro degli Esteri, Charbel Wehbe, in un'intervista alla radio francese Europe 1 ha detto che entro "solo quattro giorni" gli investigatori dovranno fornire un rapporto dettagliato sulle responsabilità di questo "crimine efferato di negligenza". Ma un'opinione pubblica delusa da una classe politica giudicata corrotta non mostra alcuna fiducia sulla possibilità di arrivare alla verità. Uno scetticismo condiviso dai quattro ex primi ministri - tra cui Saad Hariri - che hanno chiesto l'istituzione di una commissione d'inchiesta internazionale. A loro si sono uniti oggi, insieme a Macron, anche lo storico leader druso Walid Jumblatt e il capo delle Forze Libanesi cristiane Samir Geagea, oltre ad Amnesty International e Human Rights Watch.

La mossa di Macron

Si tratta comunque di una mossa geostrategica importante che fa seguito alle manovre ultime della Francia, l'ultima quella dello scorso settembre in cui venne stretto un accordo sul gas e petrolio libanese che tradotto in vili denari ha rappresntato 400 milioni di euro per blindare il fondale libanese (dove operano anche Eni e la russa Novatek).

La Francia sta tornando a prendere posizione in tutto il bacino del Levante. La sua marina militare ha spesso operato al largo delle coste siriane, mentre le sue forze speciali sono impegnate nel nord della Siria e rappresentano gli interessi strategici di Parigi in tutta la regione.