ULTIM'ORA
This content is not available in your region

The Brief from Brussels: Ricercatori Ue, no ai tagli alla ricerca

euronews_icons_loading
The Brief from Brussels: Ricercatori Ue, no ai tagli alla ricerca
Diritti d'autore  Sylvain THOMAS/EU
Dimensioni di testo Aa Aa

La ricerca europea è una delle principali vittime del piano di ripresa dell'Unione. Con un budget di quasi 81 miliardi di euro, il programma Horizon Europe è ben lungi dall'ambizione dimostrata dalla Commissione europea, che inizialmente ha proposto 13 miliardi di euro in più. Tuttavia, senza supporto dall'Europa, i ricercatori si trovano in condizioni di incertezza.

"Tutto sommato, se guardo indietro, ho ottenuto fondi europei per oltre un decennio . E non avrei avuto altro modo di fare quella ricerca se non avessi avuto questi fondi" ha ribadito l'astrofisica, professoressa presso l'Università di Leuven, Conny Aerts.

In dubbio è ora anche il futuro del team di Conny Aerts . Lavora con circa 20 persone, la metà delle quali sono pagate dal Consiglio europeo della ricerca. Tuttavia, il suo lavoro va oltre il semplice campo dell'astrofisica.

"Sto lavorando su terremoti, e questo è paragonabile a un terremoto. Questo è l'unico modo per noi di capire il funzionamento interno delle stelle, lo facciamo attraverso una combinazione di modelli matematici, con codici di intelligenza artificiale, con elementi di chimica e fisica nucleare insieme, quindi si tratta di argomenti scientifici interdisciplinari " ha raccontato la professoressa.

I tagli si tradurranno concretamente in una riduzione del numero di invenzioni, brevetti, proprietà intellettuale e quindi in un minor numero di nuove imprese, mettendo così in discussione le priorità della presidente della Commissione europea.

"I due obiettivi principali del mandato della Commissione: i cambiamenti climatici e la digitalizzazione, entrambi necessitano di progressi da compiere nella ricerca e nell'innovazione, nelle energie rinnovabili. Nel mondo digitale che avremo ci sarà necessità di ingenti investimenti nella ricerca e nell'innovazione per elaborare i nuovi prodotti e i processi che ci guideranno in un mondo privo di emissioni di Co2" ha spiegato il professor Kurt Deketelaere, segretario generale della Leauge of European Research (Leru) e professore presso la facoltà di legge dell'Università di Leuven.

Il settore della ricerca chiede ai leader di valutare le conseguenze di questi tagli per le università. I centri di ricerca olandesi potrebbero quindi perdere 100 milioni di euro. Nelle Fiandre le perdite potrebbero salire a 130 milioni di euro.

"A volte ricevo la domanda qual è il tuo prodotto, che cosa stai offrendo? Beh, faccio ricerca sono ispirata dalla mia curiosità: il mio risultato è ottenere degli studenti curiosi. E' fondamentale. Sono gli innovatori del futuro. Quindi tagliarci i finanziamenti significa tagliare le menti dei giovani "ha detto la professoressa Aerts.