ULTIM'ORA
This content is not available in your region

The Brief from Brussels: Polonia, difficile la transizione verde delle miniere

euronews_icons_loading
The Brief from Brussels: Polonia, difficile la transizione verde delle miniere
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

La transizione da combustibili fossili a fonti energetiche sostenibili è uno degli obiettivi principali del Green Deal europeo, ma i leader dell'Unione hanno tagliato alcuni fondi nel piano di ripresa volto ad aiutare regioni come la Slesia, in Polonia, a grande produzione di carbone.

I lavoratori sanno che la produzione di carbone deve essere gradualmente eliminata, ma il sindacato avverte che ci vorranno almeno 15 anni e ha bisogno di supporto per evitare danni sociali.

"La dismissione delle miniere in Polonia significa chiudere la Slesia. Migliaia di posti di lavoro andrebbero persi solo nel settore minerario, ricordiamoci che un posto di lavoro in miniera crea da 4 a sei posti di lavoro dell'indotto" ha detto Rafał Jedwabny, vicepresidente del sindacato "Sierpień '80" del Gruppo minerario polacco (Polska Grupa Górnicza).

La Polonia è il secondo maggior produttore di carbone dell'Unione, ma sta perdendo terreno rispetto a concorrenti come la Russia.

Le autorità locali affermano che i cittadini sono consapevoli che la transizione sia irreversibile, ma si aspettano la creazione di nuove opportunità di lavoro.

" Sono ottimista e spero che questi miliardi di euro andranno a noi e che saremo in grado di spenderli bene. Ho l'impressione che i locali riconoscano che è necessario prenderci cura della natura, vogliamo respirare aria pulita, non vogliamo andare sottoterra per ricavare carbone" ha detto Michał Pierończyk, vicesindaco della città di Ruda Śląska.

Per aiutare queste comunità, la Commissione Ue ha proposto un fondo per la transizione da 40 miliardi di euro nel piano di ripresa, ma il Consiglio ha collocato solo 17,5 miliardi di euro.

Il Parlamento europeo negozierà per aumentare tale importo e solleciterà i governi a utilizzare altri fondi dell'Unione per la transizione.

"L'Europa deve investire nelle sue priorità e se la decabornizzazione è una priorità così importante per tutti gli europei, allora tutte le risorse dovrebbero essere indirizzate a questo, sia attraverso uno specifico strumento politico europeo, come questo fondo, sia utilizzando i finanziamenti di ogni stato membro in termini di fondi di coesione o fondi per una politica agroalimentare più verde" ha detto Pedro Marques, eurodeputato dei Socialisti e Democratici (S&D).

Tutti i Paesi europei riceveranno finanziamenti , ma i maggiori beneficiari saranno gli Stati dell'Est come Polonia, Romania e Repubblica Ceca. Ma anche Germania, Francia e Italia otterranno grandi quote.

Ma la Polonia deve ancora approvare il piano europeo che ha come obiettivo di raggiungere la neutralità dal carbone entro il 2050, gli ambientalisti continueranno a far pressione:

"Le industrie inquinanti non dovrebbero più ricevere finanziamenti. I governi dell'Unione avevano già concordato nel 2009 di eliminare gradualmente i sussidi per i combustibili fossili, ma i governi dell'Unione continuano a finanziarli" ha commentato Sebastian Mang, consulente per le politiche climatiche di Greenpeace.

Il piano di ripresa afferma che il 30% di tutti i fondi dovrebbe essere destinato a misure per affrontare il cambiamento climatico e i suoi impatti socio-economici.