ULTIM'ORA
This content is not available in your region

"Nel judo bisogna sapersi controllare in ogni momento"

euronews_icons_loading
euronews
euronews   -   Diritti d'autore 
Dimensioni di testo Aa Aa

Con il coronavirus e il lockdown che paralizza il mondo dello sport, è il momento di riflettere sui valori che lo sport stesso può trasmettere a chi lo pratica. Il judo in particolare è una disciplina a tutto tondo, che forma non solo sportivi di talento, ma persone dalle grandi qualità umane.

In quest'episodio di Judo Values vediamo come tre judoka interpretano il valore del controllo di sé.

Teddy Riner è il judoka di maggior successo di sempre sul pianeta. È due volte campione olimpico, nel 2012 e nel 2016. Peso massimo francese alto 2,05 metri, ha vinto dieci titoli mondiali, più di chiunque altro, e cinque titoli europei. È stato due volte campione del mondo junior. Ha vinto il Grand Slam a Brasilia nel 2019. Big Teddy imbattuto dal 2010 per un totale di 152 gare. La sua ultima vittoria è stata il Grand Prix di Montréal.

Marie-Ève Gahié è diventata campionessa del mondo 2019 a Tokyo dopo aver perso la finale a Baku nel 2018. Ha vinto l'oro al Grand Prix di Tbilisi e Zagabria nel 2018. Gahie ha vinto il Grand Slam di Abu Dhabi nel 2016 dopo essere stata campionessa mondiale nel 2013 e aver conquistato il bronzo agli europei del 2017 e l'oro di squadra ai Giochi europei del 2015. Ha vinto il Grand Slam di Ekaterinburg nel 2019.

Younis Eyal è un judoka 27enne giordano. Fa parte della nazionale del suo paese e intende partecipare alle Olimpiadi di Tokyo quando si terranno l'anno prossimo.

Il tedesco Dominic Ressel è medaglia d'oro al Grand Slam di Parigi nel 2019. Ha vinto sette titoli nazionali consecutivi nella categoria 81 kg. Non si contano gli argenti: Grand Slam di Tokyo, 2016; campionati europei di Varsavia, 2017; Grand Prix dell'Aja, 2017, mentre nel 2018 ha conquistato il bronzo. Bronzo anche al Grand Slam di Düsseldorf nel 2016, 2018 e 2019 e ad Abu Dhabi. Ha vinto il suo primo GP a Zagabria nel 2018. È arrivato quinto ai mondiali del 2018 a Baku.