ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Londra: manifestazione in difesa dei monumenti, scontri tra polizia ed estremisti di destra

euronews_icons_loading
Londra: manifestazione in difesa dei monumenti, scontri tra polizia ed estremisti di destra
Diritti d'autore  Kirsty Wigglesworth/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Alta tensione a Londra tra polizia e manifestanti appartenenti a vari gruppi dell'estrema destra britannica, arrivati questo sabato da tutto il paese per una manifestazione in difesa dei monumenti nazionali.

A far partire gli scontri il tentativo di un gruppo di superare le transenne davanti a Downing Street, a cui ha fatto seguito un fitto lancio di oggetti contro gli agenti di polizia, che hanno reagito con cariche di alleggerimento.

Tra i manifestanti anche Paul Golding, leader di Britain First, uno dei principali gruppi di estrema destra, e i tifosi di varie squadre britanniche. Il ministro dell'Interno, Priti Patel, ha condannato gli scontri definendoli "inaccettabili atti di violenza". "Chiunque compia violenza o vandalismi dovrà risponderne davanti alla giustizia - si legge in un tweet di Patel - la violenza verso i nostri agenti non sarà tollerata".

La maggior parte dei manifestanti si è radunata nella piazza del Parlamento, davanti alla statua di Churchill, coperta in vista di un'altra manifestazione, quella di Black Lives Matter, per evitare che venisse imbrattata come successo nei giorni scorsi a quelle di altri personaggi storici.

La protesta però è stata rinviata dagli organizzatori per evitare lo scontro con i gruppi di estrema destra. Solo un piccolo gruppo di manifestanti ha deciso di ritrovarsi comunque a Trafalgar Square.