ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19, OMS: Xi Jinping respinge l'inchiesta sulle origini del virus

euronews_icons_loading
Covid-19, OMS: Xi Jinping respinge l'inchiesta sulle origini del virus
Diritti d'autore  Jean-Christophe Bott/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

E' stata una resa dei conti a distanza la 73esima assemblea generale dell'Organizzazione Mondiale della sanità tenutasi quest'anno in piena pandemia, dunque in formato virtuale.

Si è aperta con un j'accuse, quello del segretario generale dell'ONU António Guterres contro quei Paesi che hanno ignorato le raccomandazioni dell'ONU, è proseguita coi riflettori, ovviamente, sulla Cina.

Una mozione dell'unione europea appoggiata da 100 Paesi ha chiesto un'indagine indipendente sulle origini del virus, Pechino la respinge dicendo di essere sempre stata trasparente. "La Cina - ha detto Xi Jinping - sostiene una valutazione complessiva rispetto alla pandemia di COVID-19 dopo che questa sarà stata messa sotto controllo". Xi Jinping non apre le porte dei suoi laboratori ma in cambio mette sul piano 2 miliardi di dollari per la lotta al Covid-19 e promette di rendere disponibile per tutti il vaccino se lo troverà.

Guerra a distanza OMS-USA

Intanto i rapporti tra i vertici dell'organizzazione e gli Stati Uniti sono sempre più tesi. Il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus ha affermato che: "Proprio perché si vuole una ripresa globale il più velocemente possibile chiediamo ai Paesi di procedere con cautela. Quelli che vanno troppo veloci senza attuare le misure atte a individuare e sopprimere la trasmissione del virus, hanno un reale rischio di mutilare la loro ripresa".

Proprio perché si vuole una ripresa globale il più velocemente possibile chiediamo ai Paesi di procedere con cautela. Quelli che vanno troppo veloci senza individuare e sopprimere la trasmissione del virus, hanno un reale rischio di mutilare la loro ripresa
Tedros Adhanom Ghebreyesus
direttore generale dell'OMS

Ma per il segretario alla sanità statunitense è la tardiva e fallimentare risposta dell'OMS all'epidemia, invece, che costa molte vite umane. "Il fallimento della risposta alla pandemia da parte dell'Oms costa molte vite umane" è l'atto di accusa del segretario alla sanità americano Alex Azar, che ribadisce la tesi del presidente Donald Trump secondo cui i vertici dell'organizzazione non sono stati tempestivi nel dare l'allarme a causa delle pressioni della Cina.