ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Forse nelle cellule di un lama un'arma per sconfiggere il covid 19

Forse nelle cellule di un lama un'arma per sconfiggere il covid 19
Diritti d'autore  Alberto/
Dimensioni di testo Aa Aa

Un lama belga, proprio cosi', potrebbe rappresentare la soluzione per chi soffre di COVID-19. Gli scienziati dell'Università di Austin, in Texas, dell'American National Institutes of Health e dell'Università di Gand, hanno trovato "il primo anticorpo in grado di neutralizzare COVID-19" nel sangue di questi camelidi.

Gli autori hanno scoperto un anticorpo in grado di neutralizzare SARS-CoV-1 e MERS-CoV-1 nel sangue di White, un lama femmina nata in Belgio quattro anni fa, ma hanno lasciato cadere le indagini quando i virus che causavano SARS e MERS hanno smesso di essere una minaccia.

Ora, con l'arrivo di SARS-CoV-2, la causa del temibile COVID-19, trasformato in una pandemia, gli scienziati hanno provato a testare di nuovo ... E ha funzionato. Almeno in condizioni di laboratorio.

Lo studio è stato pubblicato questa settimana sulla rivista scientifica specializzata CELL e spiega in dettaglio il meccanismo attraverso il quale questo anticorpo è in grado di bloccare la diffusione dell'insidioso nuovo coronavirus.

Un lama belga ci salverà dal coronavirus?

I lama producono anticorpi speciali che altre specie non sono in grado di creare, gli esperti lo sanno bene. Teodosio Huanca, probabilmente il più grande esperto mondiale del settore, ha dichiarato in un'intervista ad Efe che è noto da tempo che gli anticorpi dei camelidi sudamericani abbiano caratteristiche che facilitano la loro azione contro alcuni virus. "Tuttavia, ciò che rende interessante l'esperimento è sapere che l'anticorpo di un lama può essere introdotto in COVID-19 e quindi contribuire alla prevenzione contro il virus", ha detto il ricercatore, che porta avanti da 35 anni ricerche su questi animali.

"In un lama, ci sono anticorpi convenzionali che tutti noi abbiamo e che assomigliano a due catene pesanti e due catene leggere e poi hai un anticorpo speciale con solo due catene leggere. Questo è specifico per il lama", spiega Dorien De Vlieger , dottorando presso Ugent (Università di Gand) in un reportage della televisione belga RTBF.

FREE

"L'anticorpo è stato isolato nel 2016 da un esemplare immunizzato con molecole dei coronavirus SARS e MERS. Abbiamo scelto di lavorare con i lama perché questi animali producono un tipo speciale di anticorpo più stabile degli anticorpi classici. Questa maggiore stabilità consente la somministrazione del farmaco attraverso l'appannamento "(come uno spray)", ha scritto De Vielger in una e-mail a euronews.

Sono proprio questi anticorpi, che producono anche camelidi come l'alpaca, che interessano i ricercatori perché la loro azione sul coronavirus è cruciale, aggiunge il ricercatore: "Sulla superficie del virus, ci sono proteine ​​molto grandi che sono importanti per consentire al virus di aggrapparsi. Quello che fa l'anticorpo è proprio prevenire questa adesione alle nostre cellule ".