ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Spagna, cala la curva dei contagi

euronews_icons_loading
Spagna, cala la curva dei contagi
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Per il secondo giorno consecutivo, dopo sette settimane di blocco sanitario, la Spagna registra il più basso numero di morti in 24 ore, che ieri sono stati 164. Un segnale incoraggiante per le autorità e per i cittadini, e che arriva in coincidenza con la prima attenuazione delle regole del blocco.

Per Fernando Simon, direttore della rete d'emergenza sanitaria spagnola, l'abbassamento della curva delle vittime e di quella dei contagi, fa ben sperare: "Sono stati segnalati 356 nuovi casi, che rappresentano un aumento dello 0,16% rispetto a ieri. Questo è il numero più basso di nuovi casi in quasi due mesi, grazie allo sforzo collettivo per controllare la diffusione della malattia e ci permette di evitare un impatto rilevante sul nostro sistema sanitario".

Da oggi tornano a lavorare parrucchieri, ristoratori per l'asporto e altri negozi, tutti obbligati al rispetto delle norme pubblicate solo domenica sera. Il piano di riapertura disposto dal governo, che dovrebbe durare due mesi, prevede quattro fasi, e rende obbligatorio sui trasporti pubblici, l'uso di mascherine, nella capitale distribuite gratuitamente alle stazioni della metropolitana.

Nel paese si registra anche un aumento della tensione politica, con i partiti di opposizione che alzano il tiro contro il governo guidato dal socialista Pedro Sanchez fino al punto da minacciare un voto contrario in parlamento a fine settimana, quando si dovrà votare sull'estensione dello stato d'emergenza.