Runner e bambini, Milano torna in parchi

Runner e bambini, Milano torna in parchi
Niente controlli agli ingressi ma cartelli con divieti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 04 MAG - Milano torna al parco nel primo giorno della fase 2. Non ci sono controlli agli ingressi dei due polmoni verdi al centro della metropoli, il parco Sempione e i giardini Montanelli di Porta Venezia, ma cartelli appesi ai cancelli ricordano cosa si può fare (camminare, correre e sedersi sulle panchine mantenendo il distanziamento sociale) e non si può fare, precisando che l'accesso è consentito a persone senza sintomatologia da infezione respiratoria e febbre e non soggette a misure di quarantena. "In vent'anni non ho mai visto così tanta gente al parco alle 7 del mattino, si vede che tutti volevano uscire dopo settimane surreali" nota un addetto dell'Amsa, la municipalizzata per i servizi ambientali, ai giardini Montanelli, dove due fratellini si aggirano con nonna e tata nell'area giochi, che è proibito utilizzare, così come non si possono creare assembramenti. Nei viali alberati, controllati da una pattuglia di carabinieri, ci sono runner, persone in bici, a spasso con cani o bambini.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee: Nicolas Schmit a Berlino con Katarina Barley

Elezioni europee, tutto quello che c'è da sapere per andare alle urne informati

Usa, l'ex vicepresidente Pence: "Io contro l'isolazionismo, dobbiamo sostenere gli alleati"