ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Auto, il settore riaccende i motori

euronews_icons_loading
Auto, il settore riaccende i motori
Diritti d'autore  AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Sebbene colpito pesantemente da un calo record delle vendite (che in paesi come l'Italia ha toccato -85 per cento) il settore automobilistico si prepara a riaccendere i motori. In Italia la Ferrari ha avviato uno screening di tutti i 4000 dipendenti in vista del riavvio delle attività del sito di Maranello in calendario per il 3 maggio, mentre lo stabilimento ungherese di Suzuki ricomincerà gradualmente a produrre dal prossimo mercoledi, dopo il blocco durato un mese.

Renault riaprirà lo stabilimento di Le Mans, il 26 aprile, pochi giorni dopo il riavvio degli impianti della Dacia in Romania, ed ha già previsto di adeguare le linee alle prescrizioni sanitarie. "Qui si lavorava faccia a faccia, attaccati alle portiere. Ora c'è un pannello per garantire la distanza precauzionale di un metro tra ogni addetto, in modo da poter lavorare in sicurezza", spiega una addetta alla linea.

Secondo alcune stime sono oltre un milione i lavoratori del settore automobilistico che in Europa hanno dovuto sospendere il lavoro a causa della crisi, poco meno della metà dell'intero settore a livello europeo. Il blocco ha portato alla mancata produzione di due milioni di veicoli.

Infine, Volkswagen riapartirà per tappe. In Spagna i dipendenti Seat, che fa parte del gruppo tedesco, verranno sottoposti tutti al tampone prima di tornare al lavoro.