ULTIM'ORA
This content is not available in your region

COVID-19 non dà tregua e Ricciardi avverte: "Tornerà in autunno"

euronews_icons_loading
A person sits on a seat in an otherwise empty bus station in Huddersfield, northern England
A person sits on a seat in an otherwise empty bus station in Huddersfield, northern England   -   Diritti d'autore  OLI SCARFF/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

La Cina che vede al rialzo il conto delle vittime da coronavirus, il presidente Vladimir Putin che avverte: attenzione il picco in Russia deve ancora arrivare. Il rappresentante italiano all'OMS Walter Ricciardi intanto dice: "in autunno una seconda ondata di coronavirus è praticamente una certezza". La pandemia insomma non dà tregua.

L'altalena dei numeri anche oggi in Europa porta più in alto di tutti il Regno Unito: 847 vittime in 24 ore; da Londra Anthony Costello, esperto di medicina globale, vede nero: "sono stati fatti errori, in Gran Bretagna i morti arriveranno a 40mila in questa ondata", dice.

L'Italia questo venerdì registra di nuovo un aumento nel numero dei decessi: 575 (forte calo dei ricoveri in terapia intensiva e record di guariti, che sono 2.563; 355 i nuovi casi positivi). Ma la buona notizia è soprattutto che l'indice di contagio (R0) è sotto l' 1% allo 0,8 %; ovviamente la sfida è ancora aperta, in primis quella per la fase 2: le regioni del nord premono per riaprire, soprattutto il Veneto, e spaventano il sud: "Se la Lombardia riapre, noi chiudiamo i confini", dice il governatore campano Vincenzo De Luca. "Attenzione la Lombardia è la regione europea con i maggiori problemi", ha detto Walter Ricciardi, attenzione ad aperture senza "valutazione oggettiva dell'andamento epidemico".

Anche i francesi spingono per riprendere organizzano scuole e industrie per l'11 maggio, faticano, i parigini, a restare confinati in casa, ma il Paese è ancora sul plateau con tanti morti: 791 in 24 ore, sebbene la cifra dei ricoverati in rianimazione scenda da 9 giorni.