Spagna, Covid-19: 510 morti in 24 ore, la cifra più bassa dal 23 marzo

Healthcare workers (R) confort the wife of Esteban, a male nurse that died of the coronavirus
Healthcare workers (R) confort the wife of Esteban, a male nurse that died of the coronavirus Diritti d'autore PIERRE-PHILIPPE MARCOU/AFP or licensors
Diritti d'autore PIERRE-PHILIPPE MARCOU/AFP or licensors
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il 23 marzo il conto fu di 462 vittime, poi ogni giorno un numero maggiore. Il governo ha deciso di tenere chiuse le frontiere per altri 14 giorni

PUBBLICITÀ

La Spagna registra 510 nuovi decessi, il numero più basso di morti in un giorno dallo scorso 23 marzo, quando sono stati registrati 462 morti. I casi confermati di Coronavirus ammontano a 161.852 e i morti sono in tutto, dall'inizio dell'epidemia, 16.353, mentre quasi 60.000 pazienti sono stati dimessi. I morti ieri erano stati 605. La comunità di Madrid registra un alto numero di contagi tra le suore.

Comunque, anche se questa cifra è confortante, si capisce che la crisi non sta finendo: il governo ha decretato l'estensione di altri 14 giorni, fino al 25 aprile, dei controlli alle frontiere terrestri con Francia e Portogallo nel quadro delle misure di contenimento di Covid-19. I controlli non affettano, comunque, merci e personale diplomatico. Potranno essere rinnovati, è stato spiegato, gli unici che possono passare, ormai dal 17 marzo, sono i cittadini spagnoli che vogliono rientrare in patria.

Le università andaluse hanno stabilito che i corsi non riprenderanno: non si tornerà in aula né per lezioni né per esami fino alla fine dell'anno.

Riaprono fabbriche e cantieri

Lunedì buona parte dei settori industriali e delle costruzioni sarà in grado di tornare al lavoro dopo la paralisi delle ultime due settimane seguita alla chiusura del 29 marzo. La riapertura avviene nonostante i dubbi dal comitato di esperti, che ritiene che sia ancora troppo presto. 

Per questo ritorno al lavoro, l'esecutivo ha preparato una guida per lavoratori e aziende con raccomandazioni che cercano di ridurre al minimo il rischio di contagio: mantenere 2 metri di distanza nel posto di lavoro, lavare i vestiti a 60 gradi, non recarsi al lavoro se si hanno sintomi influenzali, privilegiare i trasporti privati, nei trasporti pubblici indossare una mascherina. Le aziende sono obbligate a scaglionare gli ingressi dei dipendenti e modificare i turni per evitare sovraffollamento nello spazio di lavoro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna: ancora nel tunnel di Covid-19, ma si vede la luce

Spagna, la sinistra fa campagna elettorale sull'edilizia abitativa per conquistare i più giovani

Migranti, alle isole Canarie arrivano sempre più minori non accompagnati: si moltiplicano i centri