ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Siccità invernale in Romania. A rischio il raccolto e la salute di tutti

euronews_icons_loading
L'inviata Mari Jeanne Ion, in un campo nella campagna romena
L'inviata Mari Jeanne Ion, in un campo nella campagna romena   -   Diritti d'autore  Euronews/Mari Jeanne Ion
Dimensioni di testo Aa Aa

Simion Gheorghe ha 73 anni e vive nella campagna vicino a Bucarest, in Romania. Lavora la terra da quando era un ragazzino e quest'anno ha appena finito di piantare le patate e di disinfestare il terreno. Mai prima d'ora aveva visto una simile siccità, come quest'inverno. Lo spiega ai nostri microfoni: "Ci sarebbe dovuta essere più neve e più umidità. Se vi porto nel campo vedrete che le piante sono gialle, sono tutte affette", dice. "Non importa quanto duramente si provi a trattare il terreno con minerali o sostanze chimiche, non c'è nulla che si possa fare, soprattutto perché i sistemi di irrigazione sono distrutti".

Mancanza d'acqua e raccolto a rischio

Gli inverni romeni portavano di solito temperature basse costanti e neve abbondante, che proteggeva le colture e dava umidità. Ma durante gli ultimi 2 anni, gli agricoltori si lamentano dell'assenza di precipitazioni e dell'insolito clima caldo invernale. "Le temperature oscillano durante il giorno e la notte e le colture soffrono questo stress termico", dichiara Razvan Catoiu, contadino. "Come potete vedere, le piante di grano sono già diventate un po' pallide, per così dire. Manca l'acqua in questo momento e non sappiamo cosa succederà, fa molto caldo e credo che le piante entreranno prima nella fase vegetativa".

Siccità = più parassiti = più pesticidi

I contadini temono che il clima caldo, secco e molto ventoso possa causare perdite tra il 15 e il 30%, soprattutto per grano e colza. Anche la frutta e la verdura sono a rischio. "Le alte temperature favoriscono la resistenza di parassiti e malattie", spiega il ricercatore, Costel Vanatoru. "Questo costringe gli agricoltori a utilizzare più trattamenti chimici. Sono costosi e, inoltre, si sa che non rispettano l'ambiente, fanno male alle api e anche alla nostra salute, perché questi pesticidi e insetticidi si trovano nel terreno, nell'acqua e in tutto ciò che mangiamo".

Oggi ci sono 19 gradi, oltre 10 sopra la temperatura normale per questo periodo dell'anno. I campi alle porte della capitale dovrebbero essere ancora coperti di neve, ma non ce n'è stata durante tutta la stagione invernale. E questo significa siccità. I contadini romeni sono davvero preoccupati per il raccolto di quest'estate.