Neonata morta: ostetrica condannata

Neonata morta: ostetrica condannata
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CATANIA, 3 MAR - Cinque anni e nove mesi di reclusione per omicidio colposo, lesioni e falso alla ginecologa Maria Ausilia Palermo; assolti dal reato di omicidio colposo e condannati a tre anni ciascuno, con le attenuanti, per un falso il neonatologo Antonio Di Pasquale e l'anestesista Giovanni Gibiino; tre anni e due mesi per falso, contestando l'aggravante, per l'ostetrica Valentina Spanò. E' la sentenza del Tribunale monocratico di Catania, presieduto da Giuseppina Montuori, nel processo per la morte di Nicole Di Pietro, nata nella clinica Gibiino e deceduta alcune ore dopo mentre era su un'ambulanza diretta all'ospedale di Ragusa il 12 febbraio del 2015. Il giudice ha condannato gli imputati e la casa di cura, come responsabile civile, al pagamento di 100mila euro ciascuno ai genitori della piccola, e di 30mila euro ciascuno ai quattro nonni di Nicole. La dottoressa Palermo dovrà risarcire anche la clinica Gibiino che si era costituita parte civile nel processo, come l'assessorato regionale alla Salute.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, attacco russo a Dnipro: 8 morti, primo sì da Camera Usa per aiuti a Kiev, Israele e Taiwan

Svezia, il futuro del clima e dell'energia rinnovabile passa dalle turbine eoliche in legno

Medio Oriente, la comunità internazionale e il G7 chiedono moderazione a Israele e all'Iran