EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Stop ai supersconti sui libri. Cosa significa?

Stop ai supersconti sui libri. Cosa significa?
Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Intervista a Piero Fiechter fondatore del "Libraccio"

PUBBLICITÀ

Un tetto agli sconti sui libri. Questta è una delle nuove misure del governo. Ma è un bene o un male? Lo abbiamo chiesto a Piero Fiechter, fondatore del Libraccio che ci spiega perché c'era bisogno di una nuova legge.

Piero Fiechter: "Il problema era l'abuso dello sconto da parte delle grandi catene di distribuzione, E questo malgrado esista una legge che si chiama legge Levi e limitava gli sconti a 15%. Eppure grazie a campagne un po' trovate negli angoli delle leggi molte catene di supermercati superavano i limiti della legge offrendo sconti del 25%, 30% fino al 35% in cambio merce. Noi abbiamo fatto ricorso alla magistratura, ma lo sconto fatto tramite buoni, per i giudici, non era uno sconto vero e proprio. Diciamo che questi supersconti passavano anche con il permesso della legge".

Euronews: Voi vi siete battuti contro i supersconti nei supermercati. Ma quali sono i vostri rapporti con Amazon?

Piero Fiechter: "Le garantisco che Amazon, dall'altezza della sua grandezza, non ha mai fatto sconti folli per i libri. Si è sempre adeguato alla legge ed ha sempre tratto vantaggio dal fatto di avere una quantità di titoli a disposizione che il piccolo libraio non può avere e un catalogo enorme. Lungi da me voler difendere Amazon, ma la società non ha mai sbracato, perdonate il termine, con gli sconti".

Un tema che interessa

Euronews: Quindi voi non siete dei passatisti. Piuttosto chiedete regole certe nel gioco della concorrenza? Anche e soprattutto ai grandi supermercati.

Piero Fiechter: "Va benissimo vendere i libri nei supermercati, ma dev'essere a parità di sconti. Noi, come librai, dobbiamo adeguarci alla legge Levi, e potevamo fare massimo il 15%. Loro i supermercati, dando in cambio dei prodotti come una bistecca, delle uova o scatolame, si permettevano scontri del 35%. Non c'è concorrenza".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Scoperto a Pompei un salone con affreschi sulla guerra di Troia

Carnevale di Venezia: sfilano le 12 Marie

Vittorio Sgarbi si dimette da sottosegretario alla Cultura