ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Iowa: USA 2020, Buttigieg vince per un pelo (con ulteriore giallo)

euronews_icons_loading
Iowa:  USA 2020, Buttigieg vince per un pelo (con ulteriore giallo)
Diritti d'autore
AP Photo/Charlie Neibergall
Dimensioni di testo Aa Aa

L'ex sindaco di South Bend, Pete Buttigieg, vince per un soffio la prima tappa delle primarie per la corsa alla Casa Bianca, aggiudicandosi il 26,2% dei voti scrutinati dopo i caucus nell' Iowa, contro il 26,1% di Bernie Sanders.

La sorpresa

È Buttigieg a creare la sorpresa nell'Iowa: il caos del caucus aveva spinto anche il presidente Donald Trump a ironizzare: "Chissà quanto ci metteranno a dire che è colpa di qualche hacker russo", aveva twittato a poche ore dal suo discorso sullo Stato dell'Unione.

L'app galeotta

Le autorità e il Partito Democratico confermano che il problema è dovuto a un errore di programmazione di una app, che ha dato dati discordanti, e non a pirateria informatica.

Il primo ad essere pronto ad approfittarne sembra però Michael Bloomberg, il miliardario ex sindaco di New York, che proprio nelle ore della spasmodica attesa dei risultati del piccolo Stato rurale ha annunciato una nuova campagna per preparare la sua discesa in campo.

I risultati incriminati

La seconda sorpresa di questa prima tappa - solitamente la più simbolica - è la netta sconfitta di Joe Biden, il vicepresidente di Obama, il candidato che tutti i media e i sondaggi davano per chiaramente favorito.

Sia Buttigieg che Sanders si sono dichiarati vincitori delle primarie in Iowa, con quest'ultimo che professa di aver vinto il voto popolare.

Il Presidente del Comitato nazionale del Partito Democratico, Tom Perez, ha chiesto che sia effettuata una revisione dei voti, ma il Partito Democratico dell’Iowa non ha accettato di farlo.

La prossima tappa

Bernie Sanders, dal canto proprio, può ancora dire di aver vinto: per il voto popolare, che diverge leggermente dal dato dei delegati per via del complesso sistema di attribuzione.

Perché il fatto è che l'Iowa è sempre stato il trampolino di lancio, e chi vince lì può solitamente presentarsi sorridente in prima pagina e arrivare con l'aura del vincitore alla sfida successiva.

Questa volta invece ha vinto il caos, e il vincitore rischia di doversi accontentare di un articolo di spalla, forse due, visto che hanno vinto entrambi.

Prossima sfida l'11 febbraio, nel New Hampshire: ma questa volta sarà più semplice, perché è una primaria organizzata dalle autorità locali come uno scrutinio ordinario.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.