EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

"Je suis Charlie" cinque anni dopo

"Je suis Charlie" cinque anni dopo
Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il 7 gennaio 2015 uno degli episodi terroristici che hanno insanguinato Parigi

PUBBLICITÀ

Sono passati cinque anni dagli attentati di matrice islamica che hanno insanguinato Parigi, colpendo, oltre a inermi cittadini, anche i redattori del settimanale satirico Charlie Hebdo. Era il 7 gennaio del 2015, quando i due fratelli Kouachi entrano sparando nella sede del giornale. Uccidono 12 persone e ne feriscono 4, prima di venire a loro volta uccisi dagli agenti dopo due giorni di fuga.

Il giorno dopo un terzo attentatore che era in contatto coi fratelli Kouachi, Amedy Coulibaly, uccide un poliziotto a Montrouge, e prende d'assalto un negozio di prodotti ebraici, uccide a sangue freddo quattro ostaggi prima di venire abbattuto dalla polizia. I tre attentatori prima di morire si dichiarano combattenti per la Jihad: per conto dello Stato Islamico Coulibaly, per al-Qaida nella penisola araba i due fratelli.

Cinque anni dopo. dell'ondata di attacchi, alla quale i francesi risposero con una memorabile manifestazione d'unità civile, si conoscono solo i nomi degli esecutori materiali e dei loro favoreggiatori. Senza nome e senza volto pianificatori e mandanti; in prigione solo le pedine, come per ricordare che il caso non è chiuso.

E aperta resta anche la ferita tra i giornalisti di Charlie Hebdo, che ancora oggi combattono per il diritto a una satira senza bavagli o reverenze. "Pubblicare le caricature di Maometto, oggi sarebbe possibile, ma che senso avrebbe? Oggi si sono imposte altre forme di blasfemia, la stessa nozione di blasfemia ha purtroppo superato il confine delle semlici caricature. Oggi molte cose sono percepite come blasfeme o aggressive, mentre, come dicevo, arrivano nuove censure, nuovi divieti", dice Riss, il direttore.

Un cambio di scenario difficile da accettare per un collettivo di giornalisti nato per difendere il diritto alla libertà di esprimersi, e che da quasi cinquanta anni mostra di farlo ogni giorno, ad ogni prezzo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Charlie Hebdo: in Francia libertà di blasfemia, parola di Macron

Charlie Hebdo: al via a Parigi il processo ai presunti fiancheggiatori dei terroristi

Nuova Caledonia: rimpatriati i turisti, sette i morti per gli scontri nell'arcipelago