ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Effettuato lo sbarco dei 32 cittadini libici a Pozzallo

euronews_icons_loading
Effettuato lo sbarco dei 32 cittadini libici a Pozzallo
Diritti d'autore  AP/Darko Bandic   -   Darko Bandic
Dimensioni di testo Aa Aa

I 32 migranti sbarcati questa domenica mattina a Pozzallo sono in fuga dalla Libia. La richiesta di un porto sicuro prima a Malta, poi in Italia, è arrivata soprattutto per i 10 minori a bordo e per la donna incinta, ricoverata non appena sbarcata. Il resto del gruppo è stato trasferito nell'hotspot di Pozzallo che nei giorni scorsi era stato svuotato dopo il ricollocamento in altri Paesi europei dei rifugiati arrivati nei mesi scorsi.

Si tratta del primo salvataggio di libici in fuga dalla guerra operato dalla Sea Eye. Lo ha confermato a Euronews il portavoce della ONG Julian Pahlke.

La Commissione europea ha avviato, su richiesta dell’Italia, la procedura per il ricollocamento dei migranti sulla base del pre-accordo di Malta.

È certo un fatto che indica un precedente. Non abbiamo mai avuto dei libici o dei rifugiati a bordo prima nel Mediterraneo. Tutti e 32 si sono dichiarati cittadini libici. È certo un fatto considerevole. Abbiamo chiesto loro perché fuggivano dalla Libia e ci hanno riferito che subivano la guerra in corso e i lanci delle bombe. Hanno anche espresso timori per il recente annuncio di Erdogan di effettuare la sua operazione militare agli inizi di gennaio. La Libia non ha pace da tempo ormai e diverse sono le situazioni di difficoltà in cui versano i libici. Per queste persone semplicemente non c'è sicurezza in quel paese, ecco perché cercano di fatto di fuggire verso il Mediterraneo
Julian Pahlke
Portavoce Sea Eye

Pahlke ha poi ribadito la necessità, già lanciata in giornata in un suo tweet, di cambiare la situazione di emergenza, trovando un meccanismo che possa rendere per queste persone il processo di sbarco più veloce. Cambiare insomma, ha detto, lo status creato da Salvini. Perché anche se ora i tempi sono meno onerosi, le ONG devono sempre attendere l'ok dal Viminale.

“Siamo sollevati che alla Alan Kurdi sia stato permesso di attraccare a Pozzallo. Uno sbarco veloce non deve essere l'eccezione, ma la normalità. Conte deve revocare le sanzioni alle Ong e l'Europa deve sostenere l'Italia”, aveva scritto in un tweet Julian Pahlke di Sea Eye appunto.

"Palermo è pronta ad accogliere i migranti salvati venerdì in mare dalla nave tedesca". Il sindaco Leoluca Orlando - che ha definito quello che si sta consumando nel Mediterraneo un "genocidio" - ha chiesto all’Italia e all’Unione europea di aiutare i libici in fuga dalla guerra civile.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.