EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Algeria, ancora proteste: "Ci fanno votare ma non cambia nulla"

Algeria, ancora proteste: "Ci fanno votare ma non cambia nulla"
Diritti d'autore رويترز
Diritti d'autore رويترز
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli algerini in piazza per il 42esimo venerdì consecutivo

PUBBLICITÀ

La distanza tra ciò che chiedono e quello che otterranno è già così vasta che molti algerini hanno deciso di manifestare. In vista del voto per le presidenziali del 12 dicembre, hanno organizzato un picchetto a Parigi davanti al consolato nell'11esimo arrondissement: sollecitano il cambiamento, avranno - dicono - un gattopardesco cambio della guardia. Cambia tutto per non cambiare nulla perché i candidati sono parte integrante dell'establishment. "Non ci sono candidati validi perché provengono tutti dal sistema Bouteflika - dice un manifestante - erano tutti ex primi ministri o ministri e sono ancora oligarchi".

Da Parigi ad Algeri, il voto del 12 dicembre non smorza le tensioni

I politici in corsa alle elezioni presidenziali algerine si sono confrontati nel primo dibattito televisivo della storia del Paese: un appuntamento molto seguito, nonostante le perplessità di chi è chiamato alle urne.
"Non voterò e spero che non ci saranno elezioni - dice un mancato elettore - anche il dibattito, ad esempio, è uno spreco di denaro, tutta questa campagna elettorale lo è".
"Non si sono ancora fatti carico delle richieste popolari - aggiunge un altro - abbiamo detto che devono andarsene tutti. Il vecchio regime deve andarsene in modo che si possano tenere elezioni trasparenti e sane. Nessuno è contrario alle elezioni, ma non a queste condizioni.

La denuncia di Amnesty: in Algeria più repressione durante la campagna elettorale

Il voto non pacifica, dunque: per il 42esimo venerdì consecutivo gli algerini hanno riempito piazze e strade. Amnesty International ha denunciato l’aumento della repressione in campagna elettorale: arresti di massa, dispersione di manifestazioni pacifiche e procedimenti giudiziari nei confronti di numerosi di attivisti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Urne aperte in Algeria, con il dubbio affluenza

Algeria, seconda ondata di proteste in vista delle elezioni

Presidenziali in Algeria, una poltrona per 5: ecco i candidati alle elezioni di dicembre