ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ucrainagate, 300 pagine contro Trump: e l'impeachment si avvicina

euronews_icons_loading
Ucrainagate, 300 pagine contro Trump: e l'impeachment si avvicina
Dimensioni di testo Aa Aa

WASHINGTON (USA) - L'Ucrainagate avvicina Donald Trump all'impeachment.

Il Presidente degli Stati Uniti avrebbe usato gli aiuti militari e la prospettiva di una visita alla Casa Bianca per spingere il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy - in carica dal 20 maggio 2019 - a scavare nel passato del suo rivale politico, l'ex vicepresidente Joe Biden.

PER APPROFONDIRE ➡️ Perché Trump teme Biden per la corsa alla Casa Bianca

REUTERS/Jonathan Ernst
Espressioni perplesse: Zelenskiy e Trump a New York, il 25.9.2019.REUTERS/Jonathan Ernst

"Peggio del caso-Watergate"

Sono i risultati di un rapporto di 300 pagine dell'House Intelligence Committee, in cui si legge testualmente: "Trump ha sollecitato interferenze straniere per aumentare le sue possibilità di rielezione, ha minato la sicurezza nazionale e ha ordinato una campagna "senza precedenti" per ostacolare il Congresso. Trump è peggio di Nixon", si legge addirittura.

Ovvio il riferimento allo Scandalo Watergate - intercettazioni illegali da parte di uomini legati al Partito Repubblicano ai danni del Partito Democratico, avvenute all'Hotel Watergate di Washington -, che portò all'impeachment e alle dimissioni dell'allora Presidente Richard Nixon (1913-1994).
Era il 1974.

"Lo schema è iniziato già con Poroshenko"

Dopo la pubblicazione del rapporto, il Presidente democratico dell'House Intelligence Committee, Adam Schiff, ha dichiarato: .

"C'è ancora molto da fare...
Ci stiamo domandando: questo schema è iniziato molto prima di quanto abbiamo capito? Lo schema, infatti, è stato messo in atto per cercare di fare pressione già sul precedente Presidente dell'Ucraina, Poroshenko".
Adam Schiff
Presidente House Intelligence Committee
Adan Schiff presenta i capi d'accusa contro Trump.

"Non ci sono prove concrete e convincenti"

Trump ha immediatamente reagito, definito Schiff "uno squilibrato" e il rapporto una "bufala antipatriottica".
I Repubblicani si stringono compatti attorno al Presidente.

La deputata dell'Wyoming, Liz Cheney, figlia dell'ex vice-presidente Dick Cheney dichiara:

"Nonostante il fatto che la Speaker della Camera abbia detto che le prove, per andare avanti nell'impeachment, debbono essere chiare, convincenti e bipartisan, è evidente il fallimento dei Democratici su tutta la linea".

REUTERS/Tom Brenner
La conferenza stampa della repubblicana Liz Cheney, a Capitol Hill, Washington. 3.12.2019REUTERS/Tom Brenner

La Commissione Intelligence della Camera, nel frattempo, ha approvato il rapporto sull'impeachment, che sarà dunque la base per la Commissione Giustizia per redigere gli articoli dell'eventuale messa in stato d'accusa di Trump.

LEGGI ANCHE ➡️ L'Ukrainegate di Trump (e Biden)

Solo altri due impeachment (più Nixon...)

Nella storia degli Stati Uniti, finora, solo due Presidenti hanno subito a tutti gli effetti la procedura di impeachment: Andrew Johnson (1868, assolto) e Bill Clinton (1998, assolto per il caso-Monica Lewinsky).
Richard Nixon, nel 1974, decise di dimettersi per il caso-Watergate ancor prima di arrivare alla procedura di impeachment.

Il Presidente Andrew Johnson.