Mummia santona in casa, assolti parenti

Mummia santona in casa, assolti parenti
In primo grado erano stati condannati per occultamento cadavere
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORINO, 30 OTT - Per 17 anni hanno tenuto in casa, a Borgo San Dalmazzo (Cuneo) il cadavere di una donna, Graziella Giraudo, venerata come una 'santona', dopo averlo imbalsamato. Condannati in primo grado, oggi la Corte d'Appello di Torino ha assolto "per non aver commesso il fatto" Aldo e Alfio Pepino, rispettivamente marito e figlio della 'santona'. L'accusa era di occultamento di cadavere. Assolta anche Elda Allinio, sorella del genero della 'santona', accusata di favoreggiamento. Il pg Giancarlo Avenati Bassi, ha chiesto il non doversi procedere per prescrizione. "Aspettiamo di leggere le motivazioni della sentenza, ma per ora siamo molto soddisfatti", commentano l'avvocato Michele Forneris. "È stata riconosciuta la natura istantanea del reato - aggiunge - cioè tutto quello che è successo dopo la morte della donna, è stato giudicato non rilevante".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Corte Suprema dà l'ok a Trump: strada spianata verso le elezioni di novembre

Le notizie del giorno | 04 marzo - Serale

Cosa sono la missione Ue Aspides e le altre operazioni nel Mar Rosso: il ruolo dell'Italia