ULTIM'ORA

Siria: quante armi l'Europa ha fornito alla Turchia?

Siria: quante armi l'Europa ha fornito alla Turchia?
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono già sei i Paesi europei che hanno sospeso negli ultimi giorni la vendita di armi alla Turchia, dopo l'offensiva militare avviata contro i curdi siriani. Norvegia, Finlandia e Paesi Bassi sono stati i primi a fare un passo indietro, seguiti da Germania, Francia e ora anche l'Italia. Lunedì nel primo pomeriggio il ministro degli Esteri, Luigi di Maio, ha dichiarato: "nelle prossime ore l'Italia varerà un decreto ministeriale che devo firmare per bloccare l'export di armamenti verso la Turchia".

Quante armi hanno venduto gli Stati europei alla Turchia?

Andiamo a vedere nel dettaglio i dati relativi alle esportazioni militari dagli Stati membri dell'Unione ad Ankara, negli ultimi anni. In generale, rispetto al 2016, quando vennero venduti 2,3 miliardi di euro di armi alla Turchia, nel 2017 le vendite subirono un incremento di mezzo miliardo.

Entrando nel dettaglio, il Regno Unito nel 2017 ha venduto a Erdogan materiale bellico per 660 milioni di euro. L'anno seguente l'Italia ne ha esportato circa 360 milioni di euro, facendo della Turchia il terzo Paese al quale Roma fornisce più armi, dopo Qatar e Pakistan. Una cifra ben più alta rispetto a quella tedesca, 243 milioni di euro e addirittura otto volte superiore a quella francese.

Le polemiche crescono anche sul fronte Nato. Ankara, membro dell'Alleanza Atlantica e con a dispositione un esercito di 400mila soldati, ha da poco acquistato i sistemi di difesa missilistica S-400 di fabbricazione russa, incrinando i rapporti con Bruxelles, che dovrà ora decidere se imporre o meno un embargo totale sulla vendita di armi.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.